13k+ testi hip hop italiani.

La Voce
13 Bastardi ft. Nunzia, Angelo Pardi

♥ 2576

Strofa 1 (Castì):

…e chest è tutt che ll ca a voce po’ essere!

Fa caver e me lev o pullover,
ma fa ca o port appriess e chisti tiemp ‘nzia maije si ven a chiover!
Penzier ‘ncia fann a se mover,
e forse proprio staser me ricover a neuro,
ma mo je stong a for
la arò nisciun me ver,
la arò coccurun fa appost e nun sentì
quann te serv na man e nun saije chiù arò ì.
Truov nu post rint o scur astrignenn na fotografì,
facenn a guerr che ricord “stu surris nunn’è chiù rò mi!”,
e abbije a capì ca sta nott n’è fatt pe durmì.
E arap lluocchie e vir ca rimman sul tu e dije
e guard nata jiurnat comm sta pe murì.
Allucc ma e sentiment nunn’e vuò perdere
e chest è tutt chell ca a voce po essere.

Ritornello (Castì):

Perdenn o ciel e a terr e o mar pe sunnà,
vuless sapè quala strad aggia piglià.
Si tu guard tutt e cos a quann si crisciut
par ca n’è passat mang nu minut.
Vol ca cap afor ra cà
dint e ricord che teng pe cuntà
e mument e chesta vita mì,
lacrime o surris che parol mì.

(Nunzia)
Lacrime e surris oh oh,
lacrime e surris…

Strofa 2 (Callister):

Qui freddo come il ghiaccio,
qui resta qui nel mio cuore se ti piaccio,
come la voce di un bimbo che chiama la mamma,
un guaglione che dice: “ti amo” e la gola si infiamma!
Chiudi quella porta per favore,
l’unico rumore che voglio sentire è il battito del cuore
e nella stanza non rimane che sudore:
la voce per farti capire il dolore.


Ritornello (Castì):

Perdenn o ciel e a terr e o mar pe sunnà,
vuless sapè quala strad aggia piglià.
Si tu guard tutt e cos a quann si crisciut
par ca n’è passat mang nu minut.
Vol ca cap afor ra cà
dint e ricord che teng pe cuntà
e mument e chesta vita mì,
lacrime o surris che parol mì.

(Nunzia)
Lacrime e surris oh oh,
lacrime e surris…


Strofa 3 (Ekspo):

Si me dai o tiemp e ce pensa' nu minute,
veng cu te, nun e ancor fernute!
Dimme pecchè me sent ancor accussì?
Stu ben o teng e nun vo ancor muri!
Nu nomme resta int a nu core pecchè
si è o ver ca sto tropp for p’te!
O tiemp pass e si riesce a te rennere cont
cancell sensazione bruce pensier cose ferite, luce e na sere!
N' ata storia che mmore, dint e minute cuntate,
semmane sane p’ aspettà o fine semmane ca nun è mai arrivate,
cose che servene a crescere,
chest e tutt chell c'a' voce po' essere!


Strofa 4 (Castì):

E chest è chell ca a voc po esser,
e je ric no, e sentiment n’è può perder.
È a voce mì, me sent che stong sul je e Dije,
quann arint me sent che stong pe murì.

Ritornello (Castì):

Perdenn o ciel e a terr e o mar pe sunnà,
vuless sapè quala strad aggia piglià.
Si tu guard tutt e cos a quann si crisciut
par ca n’è passat mang nu minut.
Vol ca cap afor ra cà
dint e ricord che teng pe cuntà
e mument e chesta vita mì,
lacrime o surris che parol mì.

(Nunzia)
Lacrime e surris oh oh,
lacrime e surris…

(Castì)
E allor vol ca cap afor ra cà
dint e ricord che teng pe cuntà
e mument e chesta vita mì,
lacrime o surris che parol mì.

La Voce — 13 Bastardi ft. Nunzia, Angelo Pardi
inserito da Vinch

x chiudi

Login

Puoi loggarti usando Twitter oppure Facebook.
Non useremo i tuoi dati per spammare sulla tua timeline.


Twitter Facebook