13k+ testi hip hop italiani.

Lettera al Presidente
99 Posse

♥ 903

Me presento.
Songo 'o Zulù, salutammo Presidente
dovete perdonare il tono
fuori è un po' pesante.
Presidente, è importante:
me sò chiavato n'capa nu penziero e
me turmenta.
Siente:
tu manco me canusce, però tu me rappesiente
a me e a tanta ggente
e 'o prubblema è proprio chisto:
'a ggente.
Saranno 15 anni ca sorrido
a tutte quante, suadente.
Zulù nun è cattivo, drogato
e nemmeno delinquente.
Ho capito, vi siente spaventato.
'O ricchino, 'o tatuaggio,
e 'o stracazzo ch'è cacato.
Presidente sentite,
io nun me firo cchiù,
me sò scucciato
'e spiegà che cazzo tengo e pecché
sò 'o cuntrario 'e ll'ate:
è capitato.
Na cosa piace a ll'ate
e pe mme è na ddio 'e strunzata.
E allora rispunnite, rispunne maledetto:
pecché 'o strano song'io e nun è strano
nu cadetto,
o nu tipo in doppiopetto,
o 'o banchiere c'a valigetta.
Maledetto il tuo Dio,
chi cazzo te l'ha detto
ch'è 'o stabbilisce tu chi fosse stuorto
e chi diritto?
Presidente, è chiaro il concetto,
me siente?

Cerco nei mie pensieri,
e vedo di capire se,
ho bisogno di te,
ma la risposta è...
stai lontano da me,
votta 'o sciato a ppunente.
Signor Presidente,
stai lontano da me,
votta 'o sciato a ppunente.
Signor Presidente.

Il concetto, Presidente
è che ncuorpo tengo 'a guerra santa,
e ncapa nu pruggetto assaie distante
'a chello ca pienze tu e 'a chello
ca penza tutt' 'a ggente
che t'ha fatto Presidente.
Io nun t'aggià spiegà niente,
io faccio 'o musicante
e ttengo cumpagnia 'ca vocia mia
chi tene 'o piatto vacante
si ttu, 'o Presidente.
È comme si tu fusse nu servizzio ca
io nun ne songo utente
è 'a venì addù me gentilmente
essa stà cu tte, gentilmente
e si a me nun me ne vene niente,
gentilmente.
Presidente,
muollame, vattenne e votta 'o sciato
a ppunente.
Votta 'o sciato a ppunente,
votta 'o sciato a ppunente,
Sciat'allà gentilmente,
Sciat'allà gentilmente.

Cerco nei mie pensieri,
e vedo di capire se,
ho bisogno di te,
ma la risposta è...
stai lontano da me,
votta 'o sciato a ppunente.
Signor Presidente,
stai lontano da me,
votta 'o sciato a ppunente.
Signor Presidente.

A ppunente, a ppunente
nun voglio sapé cchiù niente,
nun so cchiù adolescente.
'E ttasse è ppavo proprio comm'a ttutta
ll'ata ggente
e n'anno 'e vita mia se l'è ppigliato
'o Stato proprio ultimamente.
A ppunente, a ppunente
nun voglio polizzia e chella aumenta
voglio 'o spazzio sociale e vvaco arinto
apiccio 'a televisione e nun fa niente
servizi zero e zero ancora finanziamenti.
A ppunente, a ppunente
nisciuno me rappresenta,
nun voglio sapé cchiù niente
ca conto meno 'e zero
è pure fin troppo evidente.
E allora, Presidente
sia chiaro; arape 'e rrecchie
spile bbuono e tiene a mmente:
pe tte sò mmuorto aiere, defunto
lieve 'e mman'a cuollo e vaie c'o viento
e faie cunto
ca sò muorto rint'a casa
appesta e ffete overamente
pirciò falle pe tte, Presidente
muollame, vattenne e votta 'o sciato
a ppunente.
Votta 'o sciato a ppunente.

Cerco nei mie pensieri,
e vedo di capire se,
ho bisogno di te,
ma la risposta è...
stai lontano da me,
votta 'o sciato a ppunente.
Signor Presidente,
stai lontano da me,
votta 'o sciato a ppunente.
Signor Presidente.
Signor Presidente,
stai lontano da me,
votta 'o sciato a ppunente.
Signor Presidente.

Lettera al Presidente — 99 Posse

Inserito da luca_pipolo

x chiudi

Login

Puoi loggarti usando Twitter oppure Facebook.
Non useremo i tuoi dati per spammare sulla tua timeline.


Twitter Facebook