13k+ testi hip hop italiani.

Dal Ghetto
Ali Dc

♥ 880

san donato il quartiere dove sono nato,è qui che ho imparato a fare buon rap,filmare i miei ciack e dare spazio ai miei break,vivo come un povero stronzo sempre a zonzo faccio questo e quello ma alla fine taglio corto,c'è chi mi chiama asso,un pazzo giro a scazzo per la mia città in cerca di relax,accontento la gente,allegro la mente,in classe sto assente,per le strade presente e adesso mi duolo facendomi sentire il rap non è un gioco,quindi cominciatemi a seguire; scherzi a parte diffondo quest'arte, un divo sbrigativo e comprensivo,odiato dallo sbirro,incisivo quando scrivo,mi pongo e mi livido,mi tolgo e mi godo qualche scazzo giu nel mio palazzo;e in questa città priva del suo rap priva di mc calibro lou x sono il migliore, uno tra un milione ,non uno dei tanti o il solito coglione poichè parlo di storie di strofe e di terze di stile diverso da quello perverso e voglio strafare di quello reale che si spiega leale e snello sul mio ritornello.





e mò fate spazio a stò equipaggio di stì pazzi,di stì artisti matti, ti colpiamo come razzi e t' imbarazzi ma è la prassi,quando ci vedi sono cazzi, non c'è scampo e per qualche grammo ti facciamo anche lo scalpo,stiamo qui sul palco e ci sentiamo un altro passo e con un balzo evitiamo un grande smacco,ci mettiamo in ballo,faccia a faccia,inizia la caccia chi non c'è taccia;nel nostro ghetto stiamo e ci rimaniamo in questo distretto netto ci fumiamo di solito marja per poi andare via dalla polizia.Il dado è tirato, le cose so' fatte ma pè nu uagliun' nen ce vo l'arte a fa delle disfatte delle vittorie a parte e gioco le mie carte quello che non mi uccide mi rende cchiu forte schivo la sorte ma mi tocca a fa botte col desiderio di vive sta notte cercando più rotte,lo scopo di fotte' i nemici di Ali che vengono giu a flotte.Nel ghetto vivo la vita petto a petto,sempre stretto dai nemici tutti li iurn' ma che cazza vuion', "fatemi stu piacere andatevene da sto quartiere" ca mo che torno,sarò pronto allo scontro,sotto sto tetto non c'è spazio per la sagra del fighetto, "ca dinga fà?ti vu appiccià?",solidarietà tra noi è la parola d'ordine ma prima di questo c'è il setto del rispetto e ora squassando il petto i mali me li aspetto,la paura e la povertà mi fanno trepidare ma per gente come noi non c'è posto dove sperare.Qui sto mo e ci rimarrò,pecchè nu seme li tecchi e se con noi non ti rispecchi va a cercà ed accattà n'altro cd che possibilmente non sia di Ali DC!! "fanculo vip"

Dal Ghetto — Ali Dc
inserito da alessandro

x chiudi

Login

Puoi loggarti usando Twitter oppure Facebook.
Non useremo i tuoi dati per spammare sulla tua timeline.


Twitter Facebook