13k+ testi hip hop italiani.

Aria
Articolo 31

♥ 22814

Sei la visione che mi circonda come l'aria che respiro e non c'è spot sul foglio bianco resta la
mia biro rinchiusa in una gabbia di paura non vuole che le mie parole inquinino quest'aria pura,
sono in preda a questa antica magia, strana alchimia, nuova mania di cercare dentro il tuo
ricordo qualche profezia, in balia di una marea, la verità sotto un vento di bugie, e tu sorridi in
mezzo a tutto questo, tu che sei l'aria fredda la mattina presto mentre mi vesto, riempimi la
bocca con il primo sbadiglio sei il sogno che comincia nel momento in cui mi sveglio, lasciati
respirare aria d'altitudine quella che dà origine a vertigine ed inquietudine e mentre osservo il
vento muovere le nuvole dipingo in cielo la tua immagine e scopro che per me sei aria.
Ed adesso barman riempimi il bicchiere metti qualcosa di tranquillo poi vieni qui a parlare, tanto
già lo so che hai già capito che mi è capitato, il tuo bancone ne ha sorrette di persone messe in
questo stato, parlami degli amori che hai passato io ti parlerò del mio che è appena nato. Ti
parlerò di lei, dirò cose che fra un'ora non ripeterei, che a lei non direi mai. Ok, ora metti che ha
queste frecce veramente questo Cupido che le tira, ecco ha sbagliato mira, ha colpito me e lei
no, lei questa notte dorme con qualcuno che non so e io non dormirò, succede o almeno dicono,
in un film lo troverebbero poetico romantico una cotta a senso unico, io mi vedo comico e rido di
emozioni senza traettoria guardando lei dispedersi nell'aria.
Ora veniamo a noi signora che mi giri in testa, che ieri sera sei uscita col mio cuore in tasca
labbra rosse di rubino il mio ricordo mentre bevo vino il mio compagno di San Valentino. Sei la
regina di un ignaro re fra gli uomini, mia privata fantasia lascia che ti esamini, occuperei la lingua
mia in approfondite indagini, impartirei il tuo corpo che nemmeno immagini, ma l'aria è di tutti e di
nessuno, possa respirarla e sporcarla con del fumo e ti respiro anche quando tiro dalla mia
Marlboro soffiando gioco a fare anelli con i tuoi capelli d'oro, dura messo male da paura barman
dammi tu la cura stasera sono fuori gara, brindiamo alla memoria di una storia senza gloria una
febbre d'amore necessaria come aria.

Aria — Articolo 31

Inserito da keepitterron

x chiudi

Login

Puoi loggarti usando Twitter oppure Facebook.
Non useremo i tuoi dati per spammare sulla tua timeline.


Twitter Facebook