13k+ testi hip hop italiani.

Indietro
Bassi Maestro & Medda

♥ 2550

(Bassi Maestro)
Vengo dagl’anni dell’Atari2006,
quando c’erano i Duran a capo dell’Hit Parade,
dagl’anni dei 12 pollici, dei VHS, dei primi CD,
degli Swatch, dei mega-mix e delle gare d’MC.
Dall’Italia dei primi divorzi seri,
dei finti ricchi e degl’ereditieri, quando ancora tu non c’eri.
Dagl’anni della 3^ C,
quando i piscioni di Berlusconi accendevano le nostre tv.
Vengo dagl’anni non sospetti dei veri concerti live,
dei primi 950, fanculo ai tuoi copyright,
20 anni di Struggle Music, domani ci trovi qui,
dentro al suono delle macchine di Frank e Roc B!
Dini e Medda sempre sotto coperta, noi sempre in guerra,
degl’anni più di merda con nessuna porta aperta,
ora è facile sperare che una major ti prenda,
mi ricordo, speravo: “fa che qualcuno mi senta!”
Chiusi dentro al suono, dinasti al cromo,
degl’astri nascenti del rap nuovo colpiscono il re al trono,
e un disco di rap nuovo costava due giorni interi di lavoro,
pulivo la polvere da ogni solco.
Ti chiedi perché oggigiorno do troppo?
Scrivo su tavole ispirato da Mosè da un popolo nuovo.
Se solo credessi ad un mondo nuovo
non vi guarderei da dietro un vetro…
col cazzo che torno indietro.

RIT.
(Medda)
Ogni giorno, ogni ora, ogni minuto,
anche se io sono ancora in questo imbuto,
non mi blocco, non mi fermo, non arretro,
no, no.. io non mi guardo indietro. (x2)

(Medda)
Guardo avanti, sono un cazzo di proiettile sparato,
buco teste di chi apre bocca solo perché ha il fiato,
un cazzo di soldato ricucito e rimontato,
e non arretro d’un metro, puoi chiamare un blindato.
Tu spara se vuoi uccidermi, non è detto che muoio,
se mi tocca il pensiero di mollare lo squoio.
Brucio come petrolio se voglio,
ti do fuoco alla casa, ma prima io ti faccio il portafoglio.
E nel rap manifesto schizzo come un destro,
vengo con un sensei detto Disu il Maestro,
e sono così immerso in tutto questo che adesso,
non riuscirei proprio a respirare se ne esco.
Sono ateo. Il Rap è la mia religione,
il palco è la mia chiesa, questa è la mia comunione.
Beccati sta confessione, chiamala pure missione,
vallo a dire a tutti questa è la mia posizione,
io non mi guardo indietro.

RIT.

Indietro — Bassi Maestro & Medda
inserito da IntROmc

x chiudi

Login

Puoi loggarti usando Twitter oppure Facebook.
Non useremo i tuoi dati per spammare sulla tua timeline.


Twitter Facebook