13k+ testi hip hop italiani.

Dall'Alba Al Travocco
C.U.B.A. Cabbal ft. Eko

♥ 1888


(E' permesso?E' permesso?Il mio nome è Nessuno,eppure sono,il mio nome è Nessuno,e non mi muovo!Sono il vento di una notte di una notte d'estate!Sono il vento di una notte di una notte d'estate!)

(Cuba Cabbal)Incontri ravvicinati,faccia a faccia,soggetti luminosi identificati in avvicinamento,niente panico,prima della tempesta c'è la quiete,dove la realtà sfoga l'ira,la fame e la sete,adesso lanciamo i componenti,trasformazione in atto per nuovi miscredenti,parabole sfaccio,corti danzanti caccio,bombardieri sonori delle terre inquiete,di novelle rotanti faccio lieti,fusione di situazione ad alto voltaggio,mi rendo capace,tra una passione che urla e un inganno che tace,dice il vero falsità,dice il falso verità,tutti fuori di coccia nel benessere dell'umanità,forse c'è qualcosa che non và,tra chi prende e chi dà,soluzioni migliori che pensi,a volte firmato da 4 cenci,adesso,non cercare fuori quello che è dentro,preparati,fusione a caldo rampicante sul corpo,come l'edera,vengo fuori dall'infinito dell'eccetera eccetera,svuòtati,stiamo entrando,sul carretto possibile navigando,nella realtà compà,quando più niente ti aspetti,dai soliti dispetti,Eko e Cabbal,ah!Suoni e concetti!

(Epoche,nel quale il tempo si distende,presente!E guardo il mondo da lontano,piano!Dal molo del mondo,dal molo del mondo!Dall'alba al tramonto!)

(Eko)Tutto è pronto per salpare,le àncore dal mare,su mappa è tracciata la rotta da seguire,qui nel tropico del cancro,terra del nostro mondo,a volte beffardo,nè altro un incanto,con l'appoggio delle stelle per trovare il cardine,tatuaggi sulla pelle al gusto di salsedine,affido al mio istinto il senso dell'orientamento,sparisco dietro un'onda o nelle strade di cemento,sono un frammento,intrepido in questa città,se l'esca ci sarà una preda abboccherà,allora mi domando fin quando continuerà,che il pesce grosso quello piccolo si mangerà,tempesta preannunciata il vento poi si alzerà,un vento sanatore,che porta verità,la mareggiata ha raso al suolo il tuo gazebo che regge sulle falsità,ed alter-ego,scorrono veloci granelli di sabbia,una clessidra infinita come tutta la spiaggia e il tempo passa,dal travocco all'alba,lasciala andare finchè và,la barca!

("...Sono ostili...benevoli...o solo curiosi...")

(Cuba Cabbal & Eko)Alla ricerca di qualcosa di nuovo!Per catturare emozioni che non ricordi più!Alla ricerca di qualcosa di strano!Il piacere è garantito poi non ti và più!Alla ricerca di quello che sei,di quello che è sette,di quello che è sotto!...Oh-oh-oh!oh-oh-oh!(?)...Travocco,travocco!Dall'alba al tramonto!Travocco,travocco!Dall'alba al tramonto!

(Sono un marziano,venuto dal mare,sono la lisca di un animale!Sono una conchiglia,sono una bottiglia,sono sopra al molo di una notte che piglia!Perso nella rete di una notte di Maggio!Sono di passaggio,sono di passaggio!Perso nella rete di una notte di Maggio!Sono di passaggio,sono del villaggio!)

Dall'Alba Al Travocco — C.U.B.A. Cabbal ft. Eko
inserito da RebelKire

x chiudi

Login

Puoi loggarti usando Twitter oppure Facebook.
Non useremo i tuoi dati per spammare sulla tua timeline.


Twitter Facebook