13k+ testi hip hop italiani.

La Notte
Cabala Fonetica

♥ 868


(Plan)Una luce fioca illumina il mio viso,il buio mi circonda con un passo più deciso,il profumo di quest'umido mi inebria,la nebbia che avvolge questo corpo mentre arido si posa il vento,cammino solo in questo cupo paesaggio dove attimi sfilano in continuo passaggio,vedo il bagliore delle case spegnersi o 1000 ombre che si celano con forma non palpabili,stanotte voglio stare solo,unirmi a questo scuro mentre la città riposa per un giorno nuovo,alzo i miei occhi verso il cielo e spero che domani tutti i miei pensieri vadano sul serio,continuo a stringere i pugni voglio che dio mi guardi,le ferite che la notte sa darmi,guardo le stelle fisso ancora,rinchiuso nel mio suono torno indietro come prima alla dimora!

-rit.(x2) E' la notte che chiama i miei pensieri! E' la notte che illumina i miei sentieri! Ogni giorno,ogni ora,ogni istante! Con gli occhi al cielo pensando a quanto è distante!

(Jash)Mi affaccio fuori alla finestra,fuori quella tipica brezza che nel silenzio ti accarezza,come un sorriso d'amarezza,come una verità,ma solo mezza,e l'aria è calma in apparenza,disciolta in quella neve sottile che non si spezza se densa,riporta in testa vecchie foto,come se avesse un meccanismo a sè per mandarle a moto,in strada passa un'auto,scorre sull'asfalto,che riflette luci gialle verso l'alto,ho sonno ma non dormo,se esco poi ritorno,come quando ti risvegli dopo un brutto sogno,sento l'eco dei suoi passi,sorella Luna scaccia il sole come dalle scarpe scaccio i sassi,ma un nuovo giorno è appena dietro l'orizzonte,nascosto come un muro dai palazzi che ho di fronte!

-rit.(x2)

(Despo)Stanotte resto solo cerco un pezzo che mi calma,ho pensieri che si intrecciano e note sul pentagramma,la fiamma arde come passione a passi di samba,il mio karma sfonda le porte di questa stanza,cancella la distanza che divide me dal cielo,mi porta così in alto tra le stelle è il mio sentiero,mi fa sentire libero non certo uno straniero,in questa terra di nessuno dove è stato ucciso il vero,è nero come il buio che circonda,si infrange nel silenzio come un'onda su 'sta sponda,la brezza accarezza il mio volto e traccia la mia ombra,la nostalgia che torna come nel cuore di chi ricorda,mi porta a rivivere istanti ormai lontani,portati via dal vento con finali troppo amari,il tempo come unica cura di questi mali,mentre sta spuntando l'alba e ancora aspetto che mi chiami!

La Notte — Cabala Fonetica
inserito da Captive

x chiudi

Login

Puoi loggarti usando Twitter oppure Facebook.
Non useremo i tuoi dati per spammare sulla tua timeline.


Twitter Facebook