13k+ testi hip hop italiani.

16 - Pe' Stefano
Cane Secco

♥ 19230

Scrivo sto testo che incomincia al participio passato,
perchè racconta de un fratello che oramai c'ha lasciato,
un pischello come noi, n'altro nato sbagliato,
che vive ancora dentro ar core de chi nun la scordato.
Quando more uno famoso viene idolatrato,
ma un pischello come noi invece viene ignorato,
nun lo dicono al TG che il funerale c'è stato,
e l'anno dopo quasi tutti l'hanno dimenticato.
Ma chi c'è stato al funerale nun l'ha dimenticato,
agli occhi mia è stato come un funerale de stato,
e mo che sai a quanti pochi funerali so stato,
penso che sai pure perchè me sento ancora turbato.
La verità è che io, ai funerali non ce vado,
perchè penso che dio, ormai ce ha abbandonato,
e non centro dentro un luogo consacrato,
me sento fuori luogo a far parte del teatro.
Fratè, però pe te me ce so precipitato,
e solo te lo sai perchè me so sentito obligato,
pure se t'ho frequentato cosi poco e poi,
cosi pe gioco da non fa manco un discorso sensato.
Me sà, che c'ho ancora er numero tuo salvato,
più de du volte nun t'avrò telefonato,
ma il modo in cui te ne sei andato,ma traumatizzato,
e penso solo a se t'avessi aiutato.
Sapessi quanto c'ho pensato e ripensato,
quante volte ho iniziato a scrive e poi me so fermato,
perchè co te so stato proprio un regazzino viziato,
e non ho visto oltre a ciò che m'hai mostrato.
Da te ho imparato,
che dietro ogni sorriso stampato,
c'è la decenza de chi nasconde un urlo disperato,
ma a quei tempi pure io, ero cosi cecato da pensa che sorridevi

perchè eri fortunato.
Poi t'ho beccato,
sdraiato a san lorenzo nel degrato,
ho pensato ch'era un po' esagerato,
nonostante tutto quello che ho già visto in passato,
me chiedo come ho fatto a non avello notato.
E non è stata quella merda la ad avette ammazzato,
semo stati noi fratè a non avette fermato,
a non avette aiutato, a non avette menato,
e ogni parola detta mo' non vale un soldo bucato.
Pure s'è vera sembra finta come un volto truccato,
passa il tempo e resta solo sto ricordo infuocato,
de sensazioni e situazioni col tuo volto sfocato,
la mente vola e io te immagino da grande sposato.
Io so cambiato,
su molti aspetti so maturato,
ma non so ditte se so migliorato o peggiorato,
so cresciuto, certo so ancora un drogato,
ma ho riflettuto e me sento poco meno fottuto.
M'hai ispirato e grazie a te ho scritto troppo veloce,
ed è per questo che proseguo e nun la stoppo sta voce,
e lo sai, io vivevo solo pe fa freestyle,
volevo solo fa le canne e sparà mille punchline.
Ma da quando c'hai lasciato è morto pure reato,
ed è rinato un cane secco troppo più motivato,
a Stè, m'hai trasformato in un soldato,
ed è pe questo che sto testo è dedicato ar sato.

16 - Pe' Stefano — Cane Secco
inserito da Martina Teufel

x chiudi

Login

Puoi loggarti usando Twitter oppure Facebook.
Non useremo i tuoi dati per spammare sulla tua timeline.


Twitter Facebook