13k+ testi hip hop italiani.

Sia quel che sia
Chabani ft. King

♥ 705

TITOLO: SIA QUEL CHE SIA
ARTISTA: CHABANI FEAT. KING
ALBUM: FATE QUELLO CHE DICO IO, NON FATE QUELLO CHE FACCIO IO
PRODOTTA DA: CHABANI
TESTO/ARRANGIAMENTO: CHABANI, KING
ANNO: 2012


[Intro:]
“Oh me oh vita
domande come queste mi perseguitano
infiniti cortei d’infedeli
città gremite di stolti
che vi è di nuovo in tutto questo oh me oh vita!
Risposta:
che tu sei qui
che la vita esiste e l’identità
che il potente spettacolo continua e che tu
puoi contribuire con un verso
quale sarà il tuo verso?”


[1 verso – Chabani:]
Resto uno scarto e con sto quarto scordo quello che c'ho intorno
aspetto ancora il giorno in cui avrò la mia rivincita, sapere che non credi in me mi incita
la delusione per questo degrado si moltiplica
hai mai pensato a tirar giù tutta la merda di sto mondo
mentre vedi andare affondo tutto e l'uomo sta nel sonno
e tu ti chiedi ti guardi è questo che volevi? e neghi
di star male mentre poi la sera speri zitta e preghi
un Dio che però sembra stia perennemente in ferie,
deleterie le giornate, resti sotto le macerie
niente più storie serie, niente più sere nere
in bianco, e perciò da ora in poi soltanto sere serie
dici di cambiare ma sei sempre lo stesso
dici sei normale ma hai sempre un complesso
tra le cazzate, tu non ti dai pace
perché la puoi mandare a bere a loro o a me si ma non a te stesso
e continui tra sti rovi
continui insisti e provi
continui e poi protesti tra sti beat e testi nuovi
ma non trovi l'equilibrio, ti rinnovi e cerchi appiglio
ci riprovi dentro covi ma ora ascolta sto consiglio
se sul ciglio, provi il volo non mi meraviglio
ma il timore di cadere figlio io te lo sconsiglio
perché se poi prendi quota, chi ti critica è un'idiota
tu da senso a ciò che ha senso e non a una banconota
io mai in questa corsa mi fermai
quando c'è chi mi diceva: Le do cazzo vai?
la vita mi ha travolto, sconvolto segni sul dorso
resto nascosto
pochi ma buoni è il motto
e a volte deliro
se poi sbaglio il tiro
cado ma ritiro
tu pensa per te
che Chabba ora è cambiato frate ti spiego perché dai decini lui è passato a lavorare i decibel
tutti chinati avanti di fronte al re stato
tutti chinati avanti mangiando ciò che è restato
mi sono stufato di ciò che c'è e che ci fu stato
pazzo forse perché troppo frustrato


[Rit. - Chabani:]
Sia che la tua vita sia nota
sia che sia ignota
sia che sia vuota o devota
sappi che è sempre frutto di magia
perciò tu lascia sempre che sia quel che sia
anche se l'anima è vuota
la paura ti affoga, sappi che sei tu il pilota
tu hai regia la scenografia
ciak e poi sia quel che sia


[2 verso – King:]
In questo tempo chiamato vita
un giorno ti va bene mille ti va sfiga
che ci devi fare, mi so stufato di rischiare
devo accannare, mi devo dare da fare
andare a lavorare
non mi devo disperare
devo avere la pazienza di aspettare
sto provando a cambiare
non sto più a scherzare
voglio spaccare, mi diverto a rappare
a raccontare
di questa vita che non vale
di gente che non smette di rubare
spacciare, del criminale
di chi sta a rota come un cane
di chi ogni sera se la cuoce e se la va fumare
si pente di farsi del male
vuole cambiare
ci prova per due settimane
poi sta male
rimanda tutto a puttane
inizia a vomitare
la deve dare
sta nel baratro infernale
depressione totale
meglio lavorare, studiare, vita normale
devi stroncare
lascia stare
spacciare
rubare
con l'asfalto già c'ho avuto a che fare
pensa a cambiar vita
qua non è finita
in tutto c'è una via d'uscita dopo un po' incomincia la salita
la riuscita
tutto questo però fratè richiede fatica
abbi il coraggio di stroncare
pronto a resuscitare
pensa a fare una famiglia normale
la vita vera deve ancora arrivare
pensaci sempre
ti saluto compare


[Rit. - Chabani:]
Sia che la tua vita sia nota
sia che sia ignota
sia che sia vuota o devota
sappi che è sempre frutto di magia
perciò tu lascia sempre che sia quel che sia
segui sempre quelle nota
la paura affoga, sappi che sei tu il pilota
tu hai regia la scenografia
ciak e poi sia quel che sia


[Outro:]
“Qualunque cosa si dice in giro
parole e idee possono cambiare il mondo
non leggiamo e scriviamo poesie perché è carino
noi leggiamo e scriviamo poesia perché siamo membri della razza umana
e la razza umana
è piena di passione”

Sia quel che sia — Chabani ft. King

Inserito da Emanuele Rengucci

x chiudi

Login

Puoi loggarti usando Twitter oppure Facebook.
Non useremo i tuoi dati per spammare sulla tua timeline.


Twitter Facebook