13k+ testi hip hop italiani.

Luce Alla Fine Del Tunnel
Chef Ragoo

♥ 1006

Un’altra inutile persona. In fondo è buona, la conosco. E’ proprio lì in fondo che mi imbosco, che mi son nascosto Me stesso in me stesso matriosko, affronto l’olocausto dal mio avamposto ed è tosto Ostacoli mi bloccano e tentacoli mi sfiorano, ora no, lasciatemi da solo Volo predisposto all’atterraggio di fortuna, peggio della fine prematura di un campeggio Ad agosto, la pioggia cadde dura come un masso e ad ogni passo ti sentivi più sconnesso Fine della festa, la casa resta vuota e ci sta da pulire tutto. Il solito idiota ha già la scopa in mano Pronto per il riassetto ed ogni volta è peggio e c’è meno rispetto. Finisce che mi atteggio ad uomo disperato. Sarà che sò esausto, che forse le forze mi hanno lasciato. Scorgo una luce alla fine di questo tunnel Discrepanze tra il mondo reale e le speranze. Anzi che io sono ancora in giro! Ed è pure vero che mi porto sfiga e me la tiro, ma questo non è un film e io non sono De Niro Il lieto fine non è garantito, il mio confine è sbiadito entrano tutti senza invito nel mio spazio vitale Per me è letale esser costretto dalle circostanze a socializzare. Vorrei paralizzare il mio lato sociale, mi serve tempo per pensare Ma tra il dire e il fare c’è di mezzo il male, vestito da amico manco fosse carnevale Per questo mi dico “Chef, non ti fidare”. Quel vicolo è sospetto, stretto ed è ridicolo che dicano “Prego passi, passi pure”. Mandano me avanti a sfidà le loro paure. Scorgo una luce alla fine di questo tunnel, vediamo dove ci conduce Qui ci si riduce troppo spesso a annichilirsi, gli occhi nero pece e il male dentro che si riproduce “C’è luce lì”, me lo dice una voce, così la assecondo e la seguo. Lo sfondo è sempre tetro. È pronta la mia croce sul calvario e ho troppi stronzi dietro e non si allunga il divario Suona il carillon le note più dolenti, come ultrasuoni presenti anche se non li senti Stringo i denti, i pugni, vado avanti, sogni infranti, elementi discordanti Un disco pronto in fondo non è nulla se il mondo mentre dormo prende a calci la mia culla Non sarò io il giullare che vi trastulla, devo andare via: c’è luce in fondo alla galleria. Una pazzia sarebbe se restassi inerme nella fossa delle sofferenze eterne. Mi tocca un raggio. Coraggio. Continua la mia strada, fratè: vuoi un passaggio?

Luce Alla Fine Del Tunnel — Chef Ragoo

Inserito da keepitterron

x chiudi

Login

Puoi loggarti usando Twitter oppure Facebook.
Non useremo i tuoi dati per spammare sulla tua timeline.


Twitter Facebook