13k+ testi hip hop italiani.

Quando capirò
Dinamite

♥ 2767

Il fratellino piccolo del mio vicino è in ospedale,
è andata male,
con la chemio non rimane molto da fare,
il nonno invece fuma Camel,
dalla quinta elementare,
a Maggio fa ottant'anni aspetterà altre 20 lune,
conosco un tizio che lavora 16 ore al giorno in nero,
c'ha la calce sulle scarpe prende 400 euro,
caro Mario so che annoia il posto fisso in parlamento,
fare il senatore a vita, immagina che sbattimento!
No, non posso cambiare canale, la droga mi spegne, l'amore fa male,
cosi non mi drogo e non amo, mi chiedo che senso ha la vita se non puoi beccare,
il lavoro nobilita l'uomo dipende dal luogo e dal posto che trovo,
ma finchè tutto trema mi siedo composto e aspetto il momento buono!
Non prendo più sonno, mi fermo a pensare,
col fiato che manca e in gola c'ho il cuore,
riparte e non smette, diremo che scoppi,guarda lo specchio vedo un bagliore,
luce che esalta, mette tensione, la vista si appanna, sembro game over,
poi sento una voce che canta 32 parole!

RIT: X2
Adesso dici basta, chiudi tutte le porte,
qui non basta un fiammifero, fa freddo ed è notte,
cercavo un certo dio ma pare sia latitante
io quando capirò sarò sepolto su Marte!

Sarah Scazzi meritava di morire,
come il figlio di Silvio merita tutti i contanti che gli lascia il padre,
quando nasci nel cognome c'hai il destino scritto,
non si è mai visto un'operaio col figlio Sceicco!

Sarah Scazzi meritava di morire,
come il figlio di Silvio merita tutti i contanti che gli lascia il padre,
quando nasci nel cognome c'hai il destino scritto,
non si è mai visto un'operaio col figlio Sceicco!

Ho davanti quel furgone bianco in questa lunga strada,
Brembate è silenziosa, quella a piedi sembra Yara,
accellero perchè vorrei parlarci e riportarla a casa,
l'auto mi va in panne, mi rigiro, leì è scomparsa!
Sono al centro di una piazza, ho difronte un carro armato,
ho le buste della spesa in mano e fisso quel soldato,
non so più dove mi trovo, sembro un'ostaggio di una foto,
di cui hai in mano il negativo, spero tu non faccia fuoco!
Fuori di testa, quale dinamica,
quella che innesca, arancia meccanica,
scheggie di vetro negli occhi, il futuro col lusso per pochi,
e devo morire entro i ventisette eppure nessuno mi sente,
prima della tempesta è solo calma apparente..
Io e te siamo uguali, uguali e contrari,
come due immagini speculari,
se ci rifletti ottieni infinito e non ci tocchiamo come i binari,
giù di morale cammino solo,
chiamo un dottore si oscura il sole
poi sento una voce che canta 32 parole!

RIT: X2
Adesso dici basta, chiudi tutte le porte,
qui non basta un fiammifero, fa freddo ed è notte,
cercavo un certo dio ma pare sia latitante
io quando capirò sarò sepolto su Marte!

Quando capirò — Dinamite

Inserito da Nicholas Candidi

x chiudi

Login

Puoi loggarti usando Twitter oppure Facebook.
Non useremo i tuoi dati per spammare sulla tua timeline.


Twitter Facebook