13k+ testi hip hop italiani.

La Canzone Che Volevi
Don Diegoh

♥ 3295


(Don Diegoh)Lo sai?in questo confidarsi tutto è tutto un non fidarsi
confessarsi in lettere mandarsi nell'etere
che se st'amore poi và a farsi fottere può darsi
che fottere non basti per amarsi vuoi scommettere?
qualche volta errori da commettere lungo la via
lasciano la scia come comete vuoi mettere?
te con me me con te fra ipotesi e ipoteche
gli altri che continuano a dirci come potete?
in tasca c'ho i ricordi accanto a tessere di videoteche
e in testa flash di video di te che sai farmi ridere
ed io provo a credere ma ho un futuro in essere
come scalare l'Everest aggrappati ad edere
ed io sto aspettando non godrò mai della quiete
aspettando l'amore come Estragone Godot
leggo Beckett Platone (e poi)
passo le notti a un balcone e aspettando ispirazione scriverò!

-rit.(x1)Che ogni storia ha una canzone per i giorni d'avvio
quando si presuppone che staremo da dio
la mando a ripetizione per lasciare l'oblio
chiamandoti col nome che so solo io
e poi suona quest'assolo finchè arriva la fine
quando si presuppone che è più ciò che divide
e se ogni storia ha una canzone per il giorno d'addio
la nostra vorrei scriverla io!

(Don Diegoh)E scriverò che è meglio se noi 2 ridiventiamo 2 estranei
lasciando tutto sotto le coperte del presente
lascia che le mie mani lascino le tue mani
lasciami stare noi da domani saremo niente
ed una volta usciti dalla scia del per sempre
la poesia rimane ma sparisce il referente
la confusione andrà via dai primi di settembre
l'illusione è un pacco che ritornerà al mittente
perchè ora le tue labbra puoi spedirle a un indirizzo nuovo
e il suono della sabbia chiusa dentro la clessidra
dice di ascoltare il tempo che io stesso muovo
diventerà il silenzio il nostro punto di ritrovo
col bicchiere mezzo vuoto in uno spazio di passaggio
l'odio ci darà coraggio appena farà giorno
noi lontani per cercare un'altra vita solo andata
ora che il nostro amore è un viaggio col biglietto di ritorno!
E a volte ti immagino ancora qua di fronte
che leggi le pagine che ti ho scritto stanotte
trattieni le lacrime finchè faccio il biglietto
è un attimo e lascio questa città
il treno richiude le porte e ripartirà
stanotte ma indietro stavolta non tornerà
mai più è un sacco di tempo e non passerà
mai più ciò che penso di te mi ricorderà!

-rit.(x1)Che ogni storia ha una canzone per i giorni d'avvio
quando si presuppone che staremo da dio
la mando a ripetizione per lasciare l'oblio
chiamandoti col nome che so solo io
e poi suona quest'assolo finchè arriva la fine
quando si presuppone che è più ciò che divide
e se ogni storia ha una canzone per il giorno d'addio
la nostra vorrei scriverla io!



La Canzone Che Volevi — Don Diegoh

Inserito da Erik Dionisiaco Abgrund

x chiudi

Login

Puoi loggarti usando Twitter oppure Facebook.
Non useremo i tuoi dati per spammare sulla tua timeline.


Twitter Facebook