13k+ testi hip hop italiani.

Inverno nucleare
Dsa Commando

♥ 1524

Sample - Il teorema del delirio:
I miei occhi lo sanno, bisogna cercare, cercare e sperare, oliare il cervello per farlo correre. Sono fermo con i miei occhi in mano, stavano correndo troppo. Dicono che non c'è più tempo, non c'è più tempo, non c'è più tempo! Come facciamo a stringere l'essenza di Dio? Le mani mi fanno male, gli occhi si stanno chiudendo, il mio cervello è in ritardo, in ritardo... ma io sto cominciando a vedere.

Heskarioth:
Giro in città come uno spettro a notte fonda, il cielo sopra il porto pare abbia l'aspetto di uno schermo in onda su un canale morto. Occhiali a specchio riflettono un sole spento che non scalda il giorno, è inverno nucleare speculare al mio stato mentale. Progressivamente paranoico, non mi fido di chi ho intorno, capto i codici criptati dalle navi madri e da quant'è che non dormo, non ho un domani, scambio informazioni in cambio di sostanze con i rettiliani. La via che ho scelto mi porta alla forca, m'immagino il mio collo rotto e la mia testa storta appesa ad una corda, a un cappio; il corvo che mi mangia l'occhio. Gioco al lotto i numeri di un doppio sogno all'oppio mi sdoppio e non torno più. E voi? Cosa ridete, giù, là sotto è un complotto, hanno sciolto gli antidepressivi dentro l'acquedotto, fuoco dal blocco, intorno pullula di agenti, occhi di vetro, oggi è già domani ed è impossibile tornare indietro.

Krin 183:
La voce dei vicini che mi assorda e rimbomba in questa casa vuota, il vuoto accorda i suoi strumenti, il silenzio è da pelle d'oca. Oggi che il sole splende per tutti vedo l'eclissi, la luce è fioca e fraterna nel mondo dei derelitti. Gli abissi, i viaggi senza ritorno li curo col sorriso falso quanto la gente che mi sta intorno. Questa notte traccia il suo contorno e mi intrappola tra le sue righe, aspettando che venga il giorno. Io, che vago a caso in cerca di un piedistallo e mi nascondo in mille scatole fragili come il cristallo, vorrei lanciarmi in un volo liberatore dove l'atterraggio è la scommessa, guarda caso senza allibratore. Qui, dove tutto ha odore di sconfitta non c'è amore, ma un'altra fitta dritta al cuore, mentre lascio un altro foglio in bianco, all'ultimo banco con la testa bassa, ucciso dal dolore.

Inverno nucleare — Dsa Commando

Inserito da Dario Spalla

x chiudi

Login

Puoi loggarti usando Twitter oppure Facebook.
Non useremo i tuoi dati per spammare sulla tua timeline.


Twitter Facebook