13k+ testi hip hop italiani.

Mondo a parte
Dusk ft. Ledef

♥ 483

[Dusk]
In testa ho sempre avuto un mondo a parte
dove rifugiarmi quando la realtà mi metteva da parte
mi piaceva sentirmi distante quando ero stanco
comunque andasse c'era una via di scampo
sentivo il tempo che passava indifferente
testa alto sguardo fisso in un tragitto contingente
confidente fino al giorno dello scontro inevitabile
in cui ti rendi conto di quanto sia tutto fragile ho
smesso di credere alle favole di botto
succede quando in pochi anni vedi e senti troppo ma
un sogno non lo uccidi resta tuo per sempre
anche se ti giuri di non credere più a niente
sono passati giorni d'inferno
ma un pezzo di quel mondo me lo porterò in eterno
fermo a terra tra le spire degli incubi
conservo la speranza di fuggire dai miei limiti

(Ritornello)
Scappa via da tutto questo
dove questi sogni possono riavere senso
in testa ho un universo diverso da quello
in cui sono costretto a vivere il mio tempo
questo mondo ci sta stretto
togli la ragione ma lasciaci il sentimento
in testa ho un universo diverso da quello
in cui sono costretto a vivere il mio tempo

[Ledef]
I sogni e la realtà quanto sono distanti
nemmeno Dio lo sa e non lo dice a noi cantanti
se avessimo i contanti tanti quanto quei problemi
scriverei meno poemi su ogni foglio che ho davanti
tutto quello che vivo lo devo scrivere
tutto quello che scrivo lo devo vivere
io scrivo la storia raccontando la mia
vivendo tre metri sopra la follia
corro verso il mio sogno in uno studio
dopo troppe lacrime ecco il diluvio
questa è la mia arte illustro stati d'animo
non ti ho illusa te lo giuro è stato Dynamo
i sogni? brutte storie, magiche illusioni
tiro le conclusioni dopo mille delusioni
io senza la musica non sarei esistito
mi ha preso la vita ma le ho dato solo un dito

(Ritornello)

[Dusk]
Questa è la tua cella, non ne esci, ti rinchiudono
più cresci più noti che gli orizzonti si riducono
ti chiedi dove sta il futuro che sognavi
siamo tutti prigionieri tra palazzi tutti uguali
cresciuti sull'asfalto fin da quando siamo piccoli
cercando di trovare dei valori indiscutibili
in questo mondo di cemento siamo solo noi
senza falsi dei cerchiamo un modo per sentirci eroi
[Ledef]
Il tempo vola vivi una volta sola
con l'amaro o una pistola in gola
la musica consola, basta una parola
e un clacson diventa una colonna sonora
da bambino mi chiedevo quale fosse il mio destino
ora sono grande me lo chiedo ogni mattino
fanculo l'amore, San Valentino il sindaco Marino
che casino la mia nave affonda io suono il violino

(Ritornello)

Mondo a parte — Dusk ft. Ledef

Inserito da Manfredi Manfro Falcetta

x chiudi

Login

Puoi loggarti usando Twitter oppure Facebook.
Non useremo i tuoi dati per spammare sulla tua timeline.


Twitter Facebook