13k+ testi hip hop italiani.

Del gemelli
ElDoMino

♥ 938

Dopo una vita di programmi, di pacche sulle spalle,
di pacchi attesi tanto quanto un compleanno a 12 anni,
in parte a memoria certe scene di film già visti in tele,
pomeriggi in paranoia per la biondina delle medie..
Dei libri letti a scuola? Di rado o forse niente,
era il primo quadrimestre, ma già arriva il secondo,
moribondo con il pongo, poi il colloquio e la pagella.
Mia madre tra le madri, la più bella.
Ammonto a una vita di rincorse, spaventi, discese,
salite, incidenti, 500 devastata, per lei, per riportarla a casa,
di amori nati persi per la strada, nati con l'affanno già
e morti con gli auguri di buonanno, pace a loro,
sparo fuochi anche quest'anno! E anno dopo anno,
cambio d'abito, è freddo metto il maglione,
è già inverno odio il cambio di stagione.
Ogni campo in cui correvo col fiatone e poi l'asma da campione,
casa mia un contenitore di tanta grazia e amore,
ma anche schiaffi meritati e concentrati sulla faccia,
con lo stampo degli anelli sulla guancia, per la polvere
ed il fango che mangiavo giù allo Squarcia,
giocavo con il tango ma a vedermi era una samba!
Io timido già a mille, poi scintille e tanta rabbia,
avevo 7 anni, zero amici e ancora rabbia...

RIT
E' solo un racconto, mille storie impresse nei miei occhi acerbi,
la mia faccia puoi usarla da leggio.
La cosa certa è che io sono del Gemelli,
il resto è in mutamento continuo.

L'adolescenza avanza, troppi ormoni chiusi in gabbia,
e la biondina adesso prende il sole in spiaggia...
A me certe sfortune, impacciato, avance in branda inopportune,
a rimanerci sempre a secco e con la sabbia nel costume..
Calamita per la scure, avventure e sfumature, ricordi sugli scogli
o di quei bagni fatti al fiume, mai una cena fatta a lume di candela,
quante lune, però di notte le sognavo, infinite come dune
in un deserto naufragavo con la gioia sepolta,
un'altra estate in dejavou che hai vissuto già una volta,
vecchia e porca, a settembre già si scorda!
Un'altra storia a intermittenza come i toc toc alla sua porta,
o come linee su un A4 con la riga vecchia e storta,
o come i vuoti nell'armadio, residui, pelle morta.
Ritorno a un carnevale con la pioggia, puntuale quanto
un arco e l'energia che si ha al rilascio della corda.
Flessione di carattere, ci sta, ma l'orgoglio è a dura prova,
freccia scocca, segno di maturità! All'epoca del domino
o del punk col chiodo scuro, il vero duro che la schiuma
te la ficcava anche nel culo, assicuro!
All'oscuro di ogni pregio, c'è il difetto di credersi più
grande di quel che dice il tempo, te rimani sempre al
centro un pò incantato e un pò sorpreso, ed ogni giorno
pare aggiunga un altro peso..
Sulla bilancia l'equilibrio ormai s'è arreso, e il coraggio
di me ingenuo l'ho lasciato al chiodo appeso,
io che sognavo a tutti i bimbi che avrei steso,
adesso grido sottovoce e se alzo un dito è solo il medio.


RIT

PONTE
Voglia di sentirsi grandi, mascherandosi da grandi,
comportandosi da grandi, ma rimanendo sempre piccoli...
più avanti, sempre un passo un pò più in là,
arrivi ad essere pi? grande di quelli della tua età...
Ora che sono grande, mascherandomi da grande,
comportandomi da grande, sbatto ancora sugli spigoli,
eeeh già, sempre un passo un pò più in là,
dimostrandomi il più grande con fierezza ed umiltà.

(1) Fiat 500
(2) Storico campo da calcio di Ascoli

Del gemelli — ElDoMino

Inserito da Flavio Bachetti

x chiudi

Login

Puoi loggarti usando Twitter oppure Facebook.
Non useremo i tuoi dati per spammare sulla tua timeline.


Twitter Facebook