13k+ testi hip hop italiani.

Tabula Rasa
Faser

♥ 1383

Non esco mai la sera sto senza un soldo bucato
Mi torturo con pensieri che credevo di aver cancellato
E quando esco perdo ciò che ho guadagnato
Rischiando tutto (tutto) con un all-in azzardato
Più punti di sutura addosso che sulla patente
Guido a 30 all’ora in carreggiata con le luci spente
È dura stare al mondo insieme a tutta questa gente
Mollerei il volante così da farla finita per sempre
E il presente che mi angoscia il futuro sta dietro l’angolo
E ho un vago sospetto che assomigli a un baratro
E mentre un’auto mi sfreccia accanto
Mi sfugge come l’occasione che stavo aspettando
Tappo buchi nello stomaco con l’alcool
E ho l’impressione che la musica mi stia bruciando
Penso a mia madre e ad ogni suo sbaglio
E a tutto quello che mi porto appresso come un bagaglio
Sempre più pesante e acuminato
L’amore non fortifica ti rende solo più spietato
Nessuno mi ha spiegato come stare in un mondo sbagliato
L’ho imparato nell’attimo in cui mi sono svegliato
E più passa il tempo più mi sento emarginato
Dallo Stato e da ogni essere umano
E se escludiamo l’attimo in cui fumiamo
Possiamo essere in sette dentro una stanza ma mi sento comunque lontano

Rit.
Chiudi occhi e orecchie per un attimo
Rimani solo ad ascoltare il battito
È il mio modo di capire se son vivo
Ora il tempo segue il mio respiro
È questo ciò di cui ho bisogno (di cui ho bisogno)
È solo questo ciò di cui ho bisogno (di cui ho bisogno)
Non è un sogno (non è un sogno)
Tutto questo non è un sogno (non è un sogno)

Questo è il film della mia storia
Muto e senza immagini esclusi i titoli di coda
Sempre senza soldi per la broda
In fissa con la droga ammazzo i miei ricordi con una pistola
Un boccone amaro che si ingoia la peggiore troia del mondo
Io ho solo vent’anni in fondo
Cosa potrebbe dire mio nonno?
Una vita a lavorare senza alcun tornaconto
Cerco di venirti incontro ti offro il mio supporto
Ma cos’ho io da insegnarti se dentro mi sento morto?
Sempre stato in torto sempre stato tonto
Sempre stato quello a cui rubavano il posto
E se il mondo è nostro dimmi chi l’ha deciso
E se ne hai le prove regalami un sorriso
Regalami un motivo per tirare avanti
Che non si tratti di macchine o televisori giganti

Rit.
Chiudo occhi e orecchie per un attimo
Rimango solo ad ascoltare il battito
È il mio modo di capire se son vivo
Ora il tempo segue il mio respiro
È questo ciò di cui ho bisogno (di cui ho bisogno)
È solo questo ciò di cui ho bisogno (di cui ho bisogno)
Non è un sogno
Tutto questo non è un sogno
Chiudo occhi e orecchie per un attimo
Rimango solo ad ascoltare il battito
È il mio modo di capire se son vivo
Ora il tempo segue il mio respiro
È questo ciò di cui ho bisogno
È solo questo di cui ho bisogno
Non è un sogno, non è un sogno
Tutto questo non è un sogno

La realtà stressa non mi interessa
Finché avrò un foglio di carta possiederò la vita stessa
La vita stressa non mi interessa
Finché avrò una penna possiederò la realtà stessa
Entro dentro a una ressa di pensieri
Le angosce di domani, i dolori di ieri
Dentro me stesso posso sentirmi a casa
Prendo tutto e faccio tabula rasa

Prendo tutto e faccio tabula rasa
Prendo tutto e faccio tabula rasa
Prendo tutto e faccio tabula rasa
Ora posso sentirmi a casa

Tabula Rasa — Faser

Inserito da Elena Rimoldi

x chiudi

Login

Puoi loggarti usando Twitter oppure Facebook.
Non useremo i tuoi dati per spammare sulla tua timeline.


Twitter Facebook