13k+ testi hip hop italiani.

Me Stesso
Gente De Borgata

♥ 4560


(Il Turco)E' il suono delle strade,mica è il tormentone dell'estate,è robba seria qua o m'ammazzate o m'arrestate,allora che fate,restate o ve ne annate,ho rime avvelenate che raccontano queste giornate,lì parlate e non ve sporcate le mani,qua è peggio di quel pomeriggio di un giorno da cani,è un mare pieno zeppo di squali,getto benzina sugli infami e manco guardo più i telegiornali,ce lo so quello che succede quaggiù,perchè ce sto e perchè non vorrei stacce più,questo è il suono di chi è stanco e de che,de fà un lavoro de merda per poi trovasse in bianco,io arranco,m'arrangio,m'arrampico pe' vive',e a volte non mangio,è disagio qua,quello che accuso,rinchiuso in una vita monouso che m'ha già deluso,strano che n'ho fuso ancora,strano che n'è giunta l'ora,nella giungla non c'è aggiunta e nessuno te se incula,se non te esprimi non vivi,qua non esisti,qua se c'hai paura bello mio non resisti,eh no,GDB dalle borgate terroristi,con penna e quaderno nell'inferno de 'sti giorni tristi,stamo pisti come l'uva,è gente che suda,è ancora realtà nuda e cruda!

-rit.(x2) Un cuore batte per strada,un corpo vive una vita,un quotidiano che sa di sfida! Questo sono io,me stesso e nient'altro! Pe' strada e sul palco,me stesso e nient'altro!/Non ce faccio ir gaggio,non ce magno e nun ce viaggio!

(Supremo 73)I battiti di un cuore sono fiamme che,il quotidiano vuole spegne' tra,lagne e madonne sì,rogne zì,fogne qui,troppe bestemmie,troppe condanne,troppe,anime in panne,non sense gogne con me,il peso de tante storie,zero contest a chi se dà più arie,ma quali feste,tu porti mortorio come le curie,altro che furie,altro che glorie,altro che finte intemperie,non vedo scorie è solo un viaggio,Daniele,uno che parla spiccio,oggi è come ieri pronto al peggio,qua,o reggi o,vedi d'annà 'ndo devi d'annà,ciccio,dimme che c'hai da dì oltre al fatto che sei gaggio,in ostaggio de 'sta vita con la mia gente,il dovere se scontra col piacere e quando vince porta rinunce,con l'obiettivo de fine mese da raggiunge' non vivo,sopravvivo dentro a un cerchio che se stringe,Gente De Borgata dritta al dunque,'sto mondo non funge,sei sempre e comunque per raggiunge' tocca unge',fa gola a tutti 'sta vacca da munge',e il prossimo a fa sconce è solo un numero da aggiunge'!

-rit.(x2)

(Simo)Ed io come dicevo son me stesso e nient'artro,è trascorso un altr'anno e non è cambiato tanto e manco il modo come campo,quello che faccio,la gente su cui conto è la stessa che c'ho ancora accanto,GDB,è il mio spazio,il mio reparto,è un abbraccio se sto affranto,è il calore che me fa stà calmo,questo è quanto e per me è tanto,io scanso il rapporto falso e il tornaconto me lo sbatto,questo è il suono di chi è stanco come Pietro,come Daniele è saggio e nun se fa mai parlà dietro ed io,te lo spiego e non parlo a caso,porto rap risultato de quello che ho passato,n'amico mai lasciato,'no sfondo mai scordato,questo sono io e la mia musica non l'ha cambiato,io me ce sfogo e non c'ho fuoco per chi ascolta e non capisce che 'sta roba và compresa e fa la bocca storta,stavolta c'ho ragione,qua sopra prestame attenzione,c'ho il sudore di persone dentro una canzone,'sta vita annienta e azzera ogni emozione,so' me stesso in ogni testo e non la perdo st'occasione!

-rit.(x2) + Pe' strada e sul palco me stesso e nient'altro!(x4)

Me Stesso — Gente De Borgata
inserito da RebelKire

x chiudi

Login

Puoi loggarti usando Twitter oppure Facebook.
Non useremo i tuoi dati per spammare sulla tua timeline.


Twitter Facebook