13k+ testi hip hop italiani.

Sulla linea del limite pt.2
Giaime & Mastarise

♥ 477

Passi importanti, balliamo coi giganti
passi falsi... i tuoi
rime importanti, i tuoi fra ignoranti
i miei fra ignorati fanno male agli altri per noi, per noi
tutto quello che voglio ce l'ho
ma non siamo amici, datemi del voi
tu copi gli americani, fai hit per un mese ma poi
poi niente
io sono ancora con la stessa gente
io sono in piazza a parlare di niente, anche questo mi serve
ehi boy, ti sei accorto di chi siamo noi?
Hai capito da dove veniamo, per questo io penso sia più complicato, per noi
Veniamo dal perfetto niente, ne povertà nè ricchezza
zarri milano col bomber, l'erba fresca
la musica gangsta e niente testa
Ma poi sulla linea del limite giaime polchi roman lazza martinez ed altri
entri o esci sai
blue magic è un disco di merda, via!
zero2 ep
e il camper mangiarsi l'italia in 3 giorni di fiamme
pagarsi la benza da soli e le paglie le canne
eravamo gasati, milano sedata, milano seduta
noi impiedi
tu non c'eri, come non ci sei adesso, come non ci sei adesso.
Mi ricordo i miei fra impiedi, i miei fra con la testa nel cesso
i miei fra in casa, i miei fra in plaza
i miei fra senza soldi
i miei fra senza sogni



RIT.



Il mio cortile mi opprime, mi schiaccia
voglio una terrazza, grigliata in quaranta,
più gente che metriquadri più quella che passa a salutarci
ora che sono libero davvero
ora che sono libero da tutto
fumo al balcone, la mia tipa studia
io voglio tutto
composto conquisto il futuro l'ho visto
qualche anno fa
non ci credevo
oggi che vedo che è vero
non ci credo, ah
dimmi chi non è cambiato, che fine ha fatto
ho ricordi che mi mancano, cazzate che ho fatto
ho pensato a voi, ho pensato a noi, ho pensato a me
ora ho fame e sete
sarà qualche mese che va così
che ti accontenti
che te ne freghi
che non mandi a fanculo sti scemi
solo perché non è il caso
ti sta sul cazzo
come eravamo, giocavamo
in bilico sui trampoli, pargoli, ragazzini
con le nuvole in testa
e gli occhi piangono
ogni cosa che assaggio ha sapore di nuovo
assaporo di nuovo, non so ancora chi sono
io ricordo i miei fra con me, contenti
io con loro
mi riconosco negli occhi di ognuno
tutti per uno, tutti muti per uno solo
eravamo come ubriachi
senza curarci delle conseguenze
quindici anni inesperti ma pieni di speranze
ormai ieri è così distante
e il traguardo un po' più vicino
mentre scalo un po' più deciso
ritorno un attimo bambino, a fare casino.

Sulla linea del limite pt.2 — Giaime & Mastarise

Inserito da Alessandro Esposto

x chiudi

Login

Puoi loggarti usando Twitter oppure Facebook.
Non useremo i tuoi dati per spammare sulla tua timeline.


Twitter Facebook