13k+ testi hip hop italiani.

Voci nella testa (stentoree)
Gilmar

♥ 11132

Il tipo è salito sul bus che quasi non ci contiene, alla fermata su via marmorata piramide è quella che viene, mentre Lei già al capolinea mi era dietro di due schiene, direzione non so bene scende dove le conviene,quando i posti per sedere si liberano loro due svelti, li prendono svelti, si siedono vicini come se si sono scelti, lui le sorride lei sulle prime direi che gli mostra i denti, diversi, basta vederli,già dalla faccia, dall'aria, dagli interessi, lei cerca nel vetro i suoi riflessi, poi lega i capelli e lui studia attentamente quei gesti, a me, lei ricorda Meg o l'ho già vista non so dove, lui sembra Gabriele Salvatores, fuori dal finestrino Roma abbozza le sue storie, voci nella testa stentoree,lotta eterna tra silenzio e parole frastuono e rumore a fare colonne sonore,


al momento di frenare l'autista pronto li fa scontrare come un'autoscontro, e da la colpa alle buche della città eterna, le falle della viabilità in tangenziale est-erna, lui la guarda negli occhi, da cui scippa i suoi pensieri nascosti come soldi da un portafogli, lei non sembra scomporsi, non è tipa da farsi spaccare i sogni e restare coi cocci, l'attrazione è quella di un magnete ma in mezzo la diffidenza è una parete, e l'attimo che vivono si vede in molte chiese, abbiate fede, o parlate o tacete, anche se non c'è un prete che intercede, quindi vedo lui dire qualcosa d'impreciso, d'indeciso, io seguo il labiale ma è indefinito, le porte si aprono all'improvviso, oltre il vetro proseguo il mio cammino, se volessi potrei farlo all'indietro conosco ogni singolo sanpietrino, e racconto solo quello che vedo, da vicino

Voci nella testa (stentoree) — Gilmar
inserito da Big V1P3RD

x chiudi

Login

Puoi loggarti usando Twitter oppure Facebook.
Non useremo i tuoi dati per spammare sulla tua timeline.


Twitter Facebook