13k+ testi hip hop italiani.

La Legge Del Più Forte
Gli Inquilini

♥ 1144

KENTO:
CARABINIERI A REGGIO BATTONO LA ZONA AD AMPIO RAGGIO/
CHIEDONO ALLA GENTE DI ASPROMONTE DELL'OSTAGGIO/
LORO DICONO CHE AL DUNQUE È UN MESTIERE, UNO QUALUNQUE/
PERÒ IN VISO HANNO IL RIMORSO E ADDOSSO STRISCE ROSSO SANGUE/
UN ALTRO SPUTO SUL RECLUSO, ACQUA SALATA NELL'IMBUTO/
E SULL'ATTENTI COL TENENTE SE PRESENTO IL MIO SALUTO/
SÌ, HO LA FOTO DI MIA FIGLIA PERÒ INTANTO RESTO QUI/
E FOTTO PADRI DI FAMIGLIA CON IL 41 BIS/
CON IL DRAMMA DI CHI È IN GABBIA PER 2 O 3 GRAMMI DI GANJA/
TRA CHI CANTA E CHI NON SGARRA STA CALABRIA RESTA A GALLA/
GLI EMIGRANTI SOPRA I TRENI E GALANTUOMINI IN PRIGIONE/
E PER L'INFAME I SEGNI DELLE LAME SUL PORTONE/
GIRO IN RONDA COME UN FALCO, IN ONDA LO STESSO DISASTRO/
L'ACQUA NON CANCELLA IL SANGUE CHE INZUPPA L'ASFALTO/
LA CAPITALE A QUANTO PARE OSPITA PURE PORCHERIA/
MA NASCOSTA, E BEN PIÙ RICCA CHE QUAGGIÙ IN PERIFERIA/

MAYA FLOREZ:
NELLA MIA AULA QUELL'UOMO CHE PENSAVA ALL'INNOCENZA/
MI SCHERNIVA DERIDEVA E AVEVO GIA' LA SUA SENTENZA/
UN ALUNNO E IL SUO MAESTRO UN ABBRACCIO PER PRETESTO/
IN DUE ORE LA VIOLENZA E ABBIAMO GIA' IL NOSTRO ARRESTO/
E PRESTO UN AVVOCATO A DIFENDERE LA BESTIA/
LA MIA LEGGE E' BEN DIVERSA NON ESISTE GENTE ONESTA/
PERVERSA SE DAVANTI A ME C'E' UN UOMO/
VALE PIU' LA MIA DIVISA CHE LA GIUSTIZIA IN CUI LAVORO/

KENTO:
“E' UN UOMO ONESTO CHE LAVORA ED HA FAMIGLIA/
QUEL GIORNO LUI NON C'ERA STAVA IN CASA CON SUA MOGLIE E CON SUA FIGLIA”/

MAYA FLOREZ:
PAROLE DETTE AL VENTO QUEL BASTARDO MUORE DENTRO/
QUELL'UOMO HA GIA' SBAGLIATO IL GIORNO CHE L'HA MESSO AL MONDO/
E NON SAPEVA CHE UN UOMO VALE UN UOMO/
COMMETTIAMO GIA' UN REATO SE INCOSCIENTI NOI NE PARTORIAMO UNO/
SONO FIGLI DELLE DONNE MA NON SONO COME NOI/
SONO MOSTRI CHE CONDANNO PER NON ESSERE PIU' EROI/

PROFETA MATTO:
DA RIGAZZINO ME GONFIAVANO DE BOTTE/
‘NA VORTA SO FINITO ALL'OSPEDALE CÒ TUTTE L'OSSA ROTTE/
SIANO MALEDETTI LORO E ‘R QUARTIERE/
HANNO DATO CORPO E ANIMA PÉ SPACCAMME ER CORE/
ERO ‘NA MMERDA, ‘N FALLITO, ME SPUTAVANO ADDOSSO/
PÉ LE PISCHELLE IO NUN VALEVO UN CAZZO/
POI ‘NA GUARDIA M'HA DATO UN CAZZOTTO/
E MÒ SO UN SUO COLLEGA E MME DIVERTO COME UN MATTO/
OGNI SERA BECCO LA FALOPA A ETTI/
ER GIORNO DOPO ESCO PIPPATO, CERCO RISSE E ROMPO ER CULO A TUTTI/
GUANTI COLLE DITA PIOMBATE/
PUTTANE CHE SSE FANNO SBORÀ IN FACCIA PÉ NUN ESSE ARESTATE/
E TTU VENGHI DA ME COLL'ESTINTORE/
IO TE SPARO IN TESTA, MMERDA, E FINISCI DAR CREATORE/
IO VENGO A FFA LA MIA MISSIONE/
PERCHÉ LA LEGGE SO SORTANTO IO E T'AMMAZZO COME UN CANE/

DANIEL MENDOZA:
LA MIA DIVISA MI VA STRETTA LA MIA CITTA' MI ASPETTA/
MI DETESTA MI SPODESTA PIANGE E NON PROTESTA/
CHE COSA RESTA SE POI IL DUBBIO LO SI ARCHIVIA/
SUL FIGLIO DI UNA ROMA VIVA AMARA MA CATTIVA/
GIA' AVEVO CRISI D'IRA AI TEMPI DEL LICEO/
PICCHIAVO OGNI BABBEO TRA TEORIE E TEST SU GALILEO/
RELIQUIE DA MUSEO I MIEI SCHELETRI D'ARMADIO/
QUANDO QUATTORDICENNE RUBAVO LE AUTORADIO/
MA QUESTO MONDO VA AL CONTRARIO/
E MI RITROVO CON ELMETTO E SCUDO IN SERVIZIO DENTRO UNO STADIO/
E SPARO LACRIMOGENI SU DONNE E RAGAZZINI/
TANTO NON SARO' UN EROE COME I POMPIERI A NEW YORK CITY/
ESPLOREREI COSI' VIOLENZE INCONTROLLATE/
RISOLVEREI DISORDINI E RISSE A REVOLVERATE/
LA GENTE E' MUTA TRA GLI ECHI DI NASSIRYA/
UN MINUTO IN RICORDO DI CARABINIERI E POLIZIA/

La Legge Del Più Forte — Gli Inquilini

Inserito da keepitterron

x chiudi

Login

Puoi loggarti usando Twitter oppure Facebook.
Non useremo i tuoi dati per spammare sulla tua timeline.


Twitter Facebook