13k+ testi hip hop italiani.

IL VESTITO PAPALE
Guasta F3st3

♥ 665


Sgravo :

E non mi prende male se mi sveglio solo
Se sò che mi costerà sempre di piu per potere spiccare il volo
E non mi incazzo più.....per le solite ore in processione
Tanto chi guida non ti fila e a fila c'è sempre uno un poco cojone
E ore e ore e ore e ore
E no realizzao se il tempo non passa per il trafficco o per il cannone
Intato skippo l'hip hop dal dub al reggea che tanto t'aiuta
E il raccordo diventa come Negril perchè viaggio con la musica
Sono etero per scelta e convenienza e mi fanno passare per pazzo
Se la voglia di lavorare non mi passa col cazzo
E non mi sento un malato ne un drogato e tanto meno una vittima
Ma come uno cerca una cosa e se non la trova poi si impicca
Quindi non mi rode il culo quando entro in ufficio
Infatti ho fatto un patto col demonio per sorridere anche a chi vorrei ucciso
Per raggiungere un'obbiettivo ci sono i compromessi di facciata
Ma il dramma è che l'obbiettivo quà è arrivare a fine giornata
Ho capito che i sorrisi d'occasione non sempre sono ruffiani
Ma infondo sono solo un'assicurazione per il domani
Che poi se ci penssi è un pò come essere gay
Per pararti il culo oggi non puoi essere chi sei

RIT

E' il vestito buono del lunedi
Quello della domenica da chiesa che metti li
E poi il vestito da lavoro e quello da frastuono
Che mi fa piu uomo ma poi non so piu chi sono
E' il vestito buono del lunedi
Quello della domenica da chiesa che metti li
Che adesso mi vanno stretti e non sono proprio più buoni
Perchè come i tuoi valori mi stringono ai coglioni

E apro gli occhi ogni mattina col fastidio della luce diffusa
Come quella che entra in garage quando recchi con la serranda chiusa
E scusa se non è una scusa ho trovato qualcosa che davvero mi aiuta
A non pensare che tutt'è na merda
E in tutti i problemi poi t'aiuta l'erba
Anche perchè crescere vuol dire cambiare mentalità
Anche se purtroppo oggi chi cresce perde personalità
Chiunque nasce e cresce libero e ha una sua volontà
Cresci libero si ma nel canone della tua socetà
E certe volte in fondo penso che anche a me affondo mi porterà
Anche se il fondo che uno tocca è soltanto un limite che si dà
Quello che uno vuole avvolte lo contrasta con ciò che fà
E piu mi lamento e più me ne accorgo che non ho le palle per andarmene da quà
Oppure sarà nell'indole delle persone
Starlo ad aspettare piuttosto che cercare un futuro migliore
O forse sarà che uno non s'accontenta e vuole sempre di più
E.........che ti toglie il fiato come un roar
Io non parto prevenuto je do n'culo alla diffidenza
Semo amici volemose bene ma sio puo vivere senza
E mi cadrà il cazzo altre tremila volte sicuro
L'unica differenza è che ora sto attento che non mi rimbalza in culo

RIT

E' il vestito buono del lunedi
Quello della domenica da chiesa che metti li
E poi il vestito da lavoro e quello da frastuono
Che mi fa piu uomo ma poi non so piu chi sono
E' il vestito buono del lunedi
Quello della domenica da chiesa che metti li
Che adesso mi vanno stretti e non sono proprio più buoni
Perchè come i tuoi valori mi stringono ai coglioni

IL VESTITO PAPALE — Guasta F3st3

Inserito da Marco Ragno

x chiudi

Login

Puoi loggarti usando Twitter oppure Facebook.
Non useremo i tuoi dati per spammare sulla tua timeline.


Twitter Facebook