13k+ testi hip hop italiani.

32 Barre A Testa
Gufo Supremo & Simo

♥ 4277

(Supremo)
Meno se vedemo, e mejo campamo, tanto ‘un se capimo, scemo.
Alla playa così non vamo, svuomo… bella man,
e Simo, Supremo, una gliene dico, due gliene dimo, a breve,
una lista de vaffanculo lunga come quella del conclave.
E il primo così, è già andato, pure se era un po’ vago.
Il secondo non va buttato se per lo stato e per le
macchine blu con o senza sirene.
Un beat dedicato al soldo buttato che, anch’io, anche tu gl’hai dato.
Visto che ce stamo, a quanto pare,
sta alleanza soltanto all’apparenza è nazionale,
accanto a un Forza Italia, condito da un bel tricolore
ma alleato con chi glielo vuole strappare il tricolore.
Fallo sbiadire quel verde, così se intona poi
via quel bianco, l’effige va di grana quindi
Roma ladrona, in rosso i colpi e l’anima terrona,
‘ambecille! Te canti l’inno de Mameli e poi tifi pa a Padania.

(Simo)
E s’è parecchio strano il posto in cui viviamo,
qui tu puoi avere tutto basta avere il soldo in mano.
Va tutto bene, all’apparenza tutto bello.
Tutti finti felici intorno a me che me lamento.
Famose du chiacchiere zì, fermo un momento,
ci stanno a pjà per culo eppure ti vedo contento.
Confondo ciò che penso, so che non ho scampo.
Mi guardo attorno e non capisco più di che ho bisogno.
Niente sostanza, qua regna l’apparenza,
l’essenza qua non conta basta la bella presenza.
Tutto è truccato, ciò l’illusione che andrà meglio
ma in realtà sto più impicciato, come in passato.
Qua c’è l’ottimismo tra tossici e alcolismo,
mi manca l’entusiasmo e vado avanti con l’affanno.
Non resto calmo, società allo sbando,
tutto andrà meglio zì, si ma dimme quando.

(Supremo)
Pure la libertà della Sgrened, messa in scena come intrigo internazionale
ma fa pena, era campagna elettorale bella e buona
un assegno sul piatto dell’importo adatto che
non cancella l’infamia di chi l’ha fatto così
de botto da parte degli italiani, col cazzo.
Slogan, sorriso e trucco perfetto e verrai eletto ma
se vieni sconfitto nell’elezione della tua regione
don’t worry -no problem- ti faranno ministro, campione!

(Simo)
Macchina nuova da cinque testoni a ruota,
cresta in testa, maglietta stretta, Dolce&Gabbana rosa.
Ma quale moda, nessuna scusa,
stai nella merda e non lo sai perciò non provi a fa qualcosa.
Kill Phil, Simo più il Supremo,
non c’è trippa per gatti zio, qua nessuno è scemo.
Metto un freno, ascolto solo la mia testa.
La tua vita è artificiale, tu continua a fare festa.

(Supremo)
Zamparini al processo de colpo sta più calmo, buono e fermo.
Affermo e confermo che pe a Palermo il paradiso se chiama inferno.
Col diavolo come angelo custode su cui fai perno,
ogni neo erode diventerà… me prude.
I presidenti delle squadre come quelli del consiglio,
quando partono, strillano, poi s’abbioccano al primo sbadiglio.
Dichiarano guerra e poi finiscono al fianco
-me chiedo- ma che gl’ha fatto de male a Rossella… ma vaffan…

(Simo)
GSM ultimo tipo per persone rovinate,
felicità tascabile pagata a rate, tutte stronzate.
Il senso de sta vita è ostentare benessere in giro per le strade.
Stereotipi improbabili ventiquattrore al giorno,
pischelle complessate con le dita in gola dentro a un bagno.
E se questo qua è il mio mondo,
mando tutto a fare in culo, ne parliamo un altro giorno.

32 Barre A Testa — Gufo Supremo & Simo
inserito da IntROmc

x chiudi

Login

Puoi loggarti usando Twitter oppure Facebook.
Non useremo i tuoi dati per spammare sulla tua timeline.


Twitter Facebook