13k+ testi hip hop italiani.

Bordeo
Herman Medrano

♥ 1650

i meio dei meio pa tirare su el degheio
chi xe che va par aria? Chi che no resta sveio
semo quei sensa rocheo, bordeo
fasemo el masseo, massa beo

venare, voio proprio vedare
naltra setimana che va in mona, da no credare
ara che ben, fin che no so pien no tiro el fren
co xe na serta ora nemo via co quei che vien
so come e quanto, a baeton
so dove e quando, in ogni situasion
sempre fora co xe ora de magnare e de tosate
sito co nialtri, ben, se no te poi brusate
anca desfa', impaca come un bacaea'
col stomego invirigoea', te me trovi sempre qua
pa faghe comatre a quei pi inseminii
mi stago coi mii, semo quei pi scaturii
e ogni fine setimana naltra scavesada
che pa tornare casa me desmentego anca ea strada
semo musi da can che no parla mai pian
gheto na giossa de sarveo, tea sughemo col pan

xe pi forte de mi, go cualcossa che me rosega
bon fin che te voi, ma no so miga na munega
cussi', se cato queo un poco pi tanduo
eo togo pal cueo, fin che no so passuo
poenta e ossi al baracon, davanti un butilion de grinton
cossa? Tegno de ocio ea situasion
ma dei altri go rispeto, no vago miga sustegare
uno che voe stare chieto, so mia mato!
Rivo, guaivo, no faso el mona e no sigo
go el me modo de fate capire che so vivo
medrano, co i altri storti, parecia i goti
simioti, fati come pomi coti
te se cossa che ne piase, magnare, bevare
'ndare a tose, cantare e perdare anca vose
ridare pa copasse, me ssciopa e ganasse
n'dare casa ridotti a un mucetto de scoasse

oramai xe tardi e gambe me fa jacomo
co se trata de 'ndar via mi so sempre e ultimo
sensa, pensieri in testa, co ea facia persa
uno aea volta i oci se roversa
i me dise sta al to posto, ma quaeo xeo el me posto
se no stago a posto desso pensa ti co so un fia' rosto
chissa' cossa che ghe speta doman quando che i se sveia
chi i me rompe e i me siga: "fate na fameia"
ma i tira fora storie che sa da ranso
pol dir de tuto anca el pi marso, no me ne frega un casso
pero' no paro basso chi fa finta de pomi
specie co te ghe bisogno, meio i amighi quei boni
dopo oto ore de lavoro caro mio
se no te ghe capio mi no torno indrio
voio faghene, passamea, fin che no i me sepeisse
fasso striche, (striche) co chi che me capisse

no se sa mai cossa che nasse
e bastaria trovasse coe gambe soto ea stesa toea pa riussire capisse
semo buseta e boton anca col pi cojon
ma dee volte saia meio el buso del tacon

---------------------traduzione--------------------------------------

ho provato a tradurre il testo di bordeo di herman medrano.
La lingua veneta lavora per immagini ed è quasi impossibile tradurla in italiano, però fa ridere

[email protected]


bordeo
(bordello)


rit. I meio dei meio pa tirare su el degheio
chi xe che va par aria? Chi che no resta sveio
semo quei sensa rocheo, bordeo
fasemo el masseo, massa beo

siamo i migliori tra i migliori ed il nostro scopo è divertirci più che possiamo
chi alla fine non riuscirà a resistere? Proprio chi non rimane sveglio di cervello
siamo fuori di testa, bordello
facciamo un sacco di cose divertenti, troppo bello!


Prima strofa

venare, voio proprio vedare
naltra setimana che va in mona, da no credare
ara che ben, fin che no so pien no tiro el fren
co xe na serta ora nemo via co quei che vien

e' venerdì, voglio proprio vedere
un'altra settimana chè è maledettamente finita, da non credere
meglio di così non si può, finchè non ho bevuto abbastanza non mi fermerò
quando l'ora è tarda andiamo a fare un giro con chiunque ci sia.


So come e quanto, a baeton
so dove e quando, in ogni situasion
sempre fora co xe ora de magnare e de tosate
sito co nialtri, ben, se no te poi brusate
anca desfa', impaca come un bacaea'
col stomego invirigoea', te me trovi sempre qua
pa faghe comatre a quei pi inseminii
mi stago coi mii, semo quei pi scaturii

so come e quanto, a livelli estremi
so dove e quando, in qualunque situazione
ci sono sempre quando è il momento di patecipare ad una cena tra amici
e quando mi si propone di andare a donne
se sei dei nostri bene, altrimenti per noi puoi andare a quel paese
e anche se sono distrutto, tanto da paragonarmi ad un baccalà rinsecchito,
con lo stomaco sottosopra, mi troverai sempre qui
per prendere in giro i ragazzi più imbranati
intanto sto con i miei amici perchè siamo i più vivi


e ogni fine setimana naltra scavesada
che pa tornare casa me desmentego anca ea strada
semo musi da can che no parla mai pian
gheto na giossa de sarveo? Tea sughemo col pan

e ogni fine settimana rappresenta un'altra distruzione del mio fisico
tanto che per tornare a casa mi dimentico perfino la strada
siamo ragazzi piuttosto loquaci che non parlano mai a voce bassa
per caso hai una goccia di cervello? Noi te l'asciughiamo con il pane.


Seconda strofa

xe pi forte de mi, go cualcossa che me rosega
bon fin che te voi, ma no so miga na munega
cussi', se cato queo un poco pi tanduo
eo togo pal cueo, fin che no so passuo
poenta e ossi al baracon, davanti un butilion de grinton
cossa? Tegno de ocio ea situasion

e' più forte di me, ho qualcosa che mi rode
sono buono fin che vuoi, ma non sono mica una suora
così, se trovo uno che è un poco più imbranato
lo prendo in giro finchè non ne ho abbastanza
polenta e ossetti allo stand gastronomico della sagra
di fronte ad una buona bottiglia di vino clinton (vietato dalla legge)
che cosa? Tengo d'occhio quello che succede attorno a me.


Ma dei altri go rispeto, no vago miga sustegare
uno che voe stare chieto, so mia mato!
Rivo, guaivo, no faso el mona e no sigo
go el me modo de fate capire che so vivo
medrano, co i altri storti, parecia i goti
simioti, fati come pomi coti

ma del prossimo ho rispetto, non vado mica a provocare
una persona che vuole essere tranquilla, non sono mica impazzito?
Arrivo con passo tranquillo, non faccio il pagliaccio e non grido
ho il mio modo per farti capire che sono vivo
medrano, con gli altri miei amici bevuti, prepara i bicchieri,
ubriachi fradici, tanto che sembriamo delle mele cotte.


Te se cossa che ne piase, magnare, bevare
'ndare a tose, cantare e perdare anca vose
ridare pa copasse, me ssciopa e ganasse
n'dare casa ridotti a un mucetto de scoasse

lo sai già che cosa mi piace, mangiare e bere con gli amici,
andare a donne, cantare finchè non ho perso la voce
ridere a crepapelle, tanto da far scoppiare le mascelle
tornare a casa ridotti come un mucchietto di immondizia.


Terza strofa

oramai xe tardi e gambe me fa jacomo
co se trata de 'ndar via mi so sempre e ultimo
sensa, pensieri in testa, co ea facia persa
uno aea volta i oci se roversa
i me dise sta al to posto, ma quaeo xeo el me posto
se no stago a posto desso pensa ti co so un fia' rosto

ormai è tardi e sono molto stanco
quando è ora di andare via io sono sempre l'ultimo
senza, pensieri in testa, con lo sguardo perso nel vuoto
uno alla volta gli occhi si rovesciano
mi dicono stai al tuo posto, ma qual'è il mio posto?
Se non sto a posto adesso pensa te quando sarò un pò bevuto.


Chissa' cossa che ghe speta doman quando che i se sveia
chi i me rompe e i me siga: "fate na fameia"
ma i tira fora storie che sa da ranso
pol dir de tuto anca el pi marso, no me ne frega un casso
pero' no paro basso chi fa finta de pomi
specie co te ghe bisogno, meio i amighi quei boni
dopo oto ore de lavoro caro mio
se no te ghe capio mi no torno indrio
voio faghene, passamea, fin che no i me sepeisse
fasso striche, (striche) co chi che me capisse

chissà che cosa aspetterà loro un domani quando si sveglieranno
e mi romperanno le scatole urlandomi: "metti la testa a posto!"
Ma cominciano a fare storie che sono poco convincenti
può dire quel che vuole anche il più esaurito, non mi interessa un cazzo
però non accetterò mai quelli che fanno finta di niente
specie quando hai bisogno meglio gli amici quelli veri.
Dopo otto ore di lavoro caro mio, se non hai capito
io non torno indietro
voglio combinarne di cotte e di crude, spassarmela, finchè non mi seppelliranno
voglio fare di tutto con chi mi capisce


no se sa mai cossa che nasse
bastaria trovasse coe gambe soto ea stesa toea pa riussire capisse
semo buseta e boton anca col pi cojon
ma dee volte saria meio el buso del tacon

non si sa mai che cosa può saltar fuori
a volte basterebbe trovarsi con le gambe sotto la stessa tavola per riuscire a capirsi
siamo amicissimi anche con il più rincoglionito
ma a volte sarebbe meglio tenersi il buco piuttosto che metterci una toppa.

Bordeo — Herman Medrano
inserito da Fondamentals

x chiudi

Login

Puoi loggarti usando Twitter oppure Facebook.
Non useremo i tuoi dati per spammare sulla tua timeline.


Twitter Facebook