13k+ testi hip hop italiani.

Home Sweet Home
Jimmy

♥ 768

Strofa 1:

Ok, mi chiudo la porta alle spalle, sono a casa/un’altra giornata è andata, ormai non sto più a contarle/e lo sai che vivo settimane piene da un tot, se non/ ci fosse l’hip hop, di piene avrei solo le palle/sfumo in delay il ricordo di lei, per non pensarci e/chiudo in un carme, sfoghi lirici alla Carmen/sui quattro quarti, per non parlarne in pubblico/pubblico un disco in cui non faccio altro che parlarne/un fumetto della Marvel, mi chiudo in camera/ mi butto sul letto, spengo il pensiero lo metto in carica/accendo lo stereo, un disco di Wayne Shorter/con Marvin, capisco perché Soul vuol dire “anima”/e mò, non insisto, desisto dai miei intenti/chiusa parentesi mi trovi fisso a “Chi l’Ha Visto?”/incasso i colpi di ogni giorno, e stringo i denti/aspetto il giorno, in cui incasserò solo complimenti/

Rito
E’ tutto il giorno che sogno che torno alla mia…”Home Sweet Home”/dovrei studiare, dovrei fare altro qui alla mia…”Home Sweet Home”/ un altro giorno a cui ora vado incontro dalla mia…”Home Sweet Home”/ lo stesso mondo che non conto di avere dalla mia, ma..già lo so/

Strofa 2

Sono notti che, passo insonne/con la camera nel caos, e chili di ricordi sotto agli occhi/ notti in cui chi dorme non sa che pesci prendere/fuori cattivi incontri con certe cattive donne/io consumo vecchie lettere fin troppo lette, se/ho un groppo enorme in gola che no, non vuole scendere/e non so, se disperdere o no, questi miei anni/dietro all’hip hop, ai peggio drammi agli affanni/lo so, mi leggo un Dylan Dog, ascolto jazz/tanto poi torno sempre all’”home” come un sito web/sai che, sogno l’amore di una lady che mi dia/consigli, che la mia musica dia pane ai nostri figli/che mi mostri, la retta via fuori dalla Selva/che certi mostri, se ne vadano alla svelta/me ne sto sul mio divano rosso come un tossico/e se posso fare più di quel che posso che me possino/

Rito

Strofa 3:

Ho visto il Vecchio Mondo, un Mondo Nuovo, uno scomparso/ camminato scalzo nelle moschee a Bisanzio/ sentito caldo Simun nel Sahara ma tanto/è come una mattina di marzo, quando m’arzo/ come quando passo nel quartiere verso sera/dolce glicine, rondini nel cielo a primavera/calmano i disordini che ho in testa/e si spera di risolverli in un niente a mente fresca/quando vuoi che cresca?Roma bella mi tiene qua/ho sangue ribelle nelle vene in tempesta/e come Scrubs, sono ai primi ferri e sai lo sento/ (che?) che il giovane uomo sta crescendo/e mi ritrovo solo sul mio letto, seduto/dove ho letto, ho amato, ho vissuto ogni minuto/che un giorno forse mi farà piacere/tornare nel quartiere, dove sono nato e cresciuto/ma ora…

Home Sweet Home — Jimmy
inserito da LZ

x chiudi

Login

Puoi loggarti usando Twitter oppure Facebook.
Non useremo i tuoi dati per spammare sulla tua timeline.


Twitter Facebook