13k+ testi hip hop italiani.

Mi accontento del peggio
Kaizer ft. Emdy

♥ 779

Mi alzo stanco dal letto, lato sinistro del letto,
tanto è già peggio che peggio, anche oggi mi accontento.
Vivo in un monolocale, cucina e gabinetto,
ma è già perfetto avere sulla testa un tetto.
Il frigo è vuoto vuoto, la lavatrice è piena,
anche oggi per mangiare aspetterò l'ora di cena.
Ho una camicia pulita e stirata,
ma è la più brutta che sia mai stata disegnata, e ora devo indossarla.
Arrivo tardi a lavoro, colpa del tram, tram.
Tutti stressati a lavoro, colpa del tran tran.
Faccio un lavoro che odio, con chi mi odia,
e lo odio, ma se odio porta odio conviene felicità.
Abbiamo tutti un regalo da fare al Mondo,
solo che a volte lui non ricambia, né mai ricambierà.
Io amo fare regali, e non mi interessa, lo faccio:
il mio regalo al Mondo è la mia semplicità.

RIT:
Ed io sto bene così, perché può andare meglio,
molto più facile meglio che peggio di così.
Ed io sto bene così, perché è un vita che mi
accontento del peggio, ed è meglio così.

Dalla mia scrivania vedo il cielo grigio piombo,
e dal mio monitor vedo solo facce di bronzo,
ma sono fatto d'acciaio, braccio di ferro col Mondo,
non c'è metallo che può scalfire il mio cuore d'oro.
Otto ore al giorno al lavoro, mentre altre otto dormo,
triste pensare che vivo solo un terzo di giorno,
perché vorrei amare tutti, tutti, tutti,
se non amare porta solo sogni brutti.
Torno a casa sfinito col nodo in gola,
nodo che mica scioglie una pizza con Coca Cola.
Accendo la tv, il silenzio non grida più,
ma sussurra comunque all'orecchio che qui manchi tu.
Ti chiamo ma non rispondi, sarai con gli altri,
eppure avevo una scusa buona per disturbarti,
volevo dirti che da quando conosco te
vivo otto ore in più, a lavoro quando resto a fissarti.

Mi alzo stanco dal letto, lato sinistro del letto,
tanto è già peggio che peggio, anche oggi mi accontento.
Esco di fretta digiuno, mi affretto,
ho una camicia orrenda che era l'unica rimasta dentro il mio cassetto.
Arrivo alla scrivania, trovo un biglietto:
"Mi chiedevo se stanotte ti va di stare a cena da me".
Alzo lo sguardo e ti guardo, tu mi sorridi,
stavolta è successo che il Mondo ha fatto un regalo a me.

RIT.

Abbiamo tutti un regalo da fare al Mondo,
solo che a volte lui non ricambia, né mai ricambierà.
Ma io ti guardo e ti vivo in ogni secondo,
e capisco che il Mondo fa il suo regalo a chi se lo merita.

Mi accontento del peggio — Kaizer ft. Emdy

Inserito da Matteo Pannunzio

x chiudi

Login

Puoi loggarti usando Twitter oppure Facebook.
Non useremo i tuoi dati per spammare sulla tua timeline.


Twitter Facebook