13k+ testi hip hop italiani.

Cassina (Somethin' Like a Prophet)
KBC & FatFat

♥ 889

Cassina ( Somethin' Like a Prophet)

Poca vita a Cassina, una mamma ha in braccio una bambina
a fianco un'amica, parlan del figlio grande che sogna il Milan
su una panchina un ragazzo litiga con la tipa
si accende una siga, ma preferiva un purino di Weeda
un ragazzino sul motorino gira coi soci, sfide veloci
con le impennate prima degli incroci.
gridano "sbirri froci!", sorrido se penso ai pochi rischi corsi
ma è un modello che devono imporsi.
I vecchi si siedono al bar bevon 2 rossi
parlano a nastro di calcio, dei nipoti e dei tempi trascorsi
se passa un canazzo, le robe le imboschi
anche quando non hai un cazzo
ti piglian male sti stronzi!
Mi ferma un tipo che ha sentito che rappo, ascolta techno,
ma si complimenta per un pezzo, per la cultura che trasmetto!
Rido e penso a chi ascolta rap e mi asciuga per questo,
perchè non sa che bellezza trasuda il movimento.
- Adoro da dove vengo, dall'euro-zarro che col caldo
tiene lo stesso il bomber da inverno.
a chi becco troppo poco spesso, gli chiedo "com'è?"
mi dice "tutto bene Fede"
e invece ha passato un inferno.

Sono L'occhio per 'sto posto
il cuore di chi sta in piazza e tazza, riconosce la mia faccia
alza il capo in sengo di saluto, non perchè faccio brutto
ma per le perle che regalo in studio

Col caldo - c'è chi gioca a pallone
chi ha basket, le tipe a carte
stanno al sole con le protezioni basse
ogni fattone sulle panche, con le robe nelle calze
ha le scarpe bianche come il colore delle faccie.
Le Nonne sul balcone stanche,
escono solo per il fresco di un supermarket
si siedon per riposar le gambe.
abito a fianco un discount di sottomarche
la musica parte, c'è il rimbombo per quanto pompo le casse.
se porto il blaster, mi plazo tranquillo
scrivo un po' brillo, faccio un squillo a una tipa che mi piace.
se è un sacrificio avere i Versace - o te la scialli facile -
te li scavalli con le altre robe rubate!
Stringo mani, do baci alle Mami
nei loro occhi non c'è domani
perchè l'oggi ha occupato tutti i piani
chi ricorda i funerali dei padri
chi ha i genitori separati li vede poco e li crede degli estranei...
Rido coi miei amici dei vostri testi, loro non fanno rap
ma sanno che non si mente a sè stessi.
Ho credibilità perchè do realtà nei pezzi
lo devo ai grezzi che credono poeta Kool Boy Classic!


Sono L'occhio per 'sto posto
il cuore di chi sta in piazza e tazza, riconosce la mia faccia
alza il capo in sengo di saluto, non perchè faccio brutto
ma per le perle che regalo in studio


Qui passa la metro fuori, tra villoni e palazzoni
fai finta di niente se ribecchi i vecchi professori
non ricordano più i nomi
tu ricordi i voti, le sezioni, che giravano i coglioni per le delusioni.
La Giuli è in pari, tra gli sbatti familiari, fa ricami per dimenticare tutti drammi
i compari ignoranti, coi vari accenti meridionali
loro scendono, escono e pisciano i cani.
quanti anni passati dalle elementari,
entri in quella sede solo per il voto alle comunali
più grandi, fumavamo via i viziati
come erba coi biglietti pluri-timbrati
quei soci li ho dimenticati!
persi per strada più di anziani con l'Alzahimer,
che parlan di camerati, confondo gli spari coi petardi.
Ho immagini e versi bastardi, per questo ringrazio il signore tutte le notti prima di addormentarmi.

Cassina (Somethin' Like a Prophet) — KBC & FatFat
inserito da

x chiudi

Login

Puoi loggarti usando Twitter oppure Facebook.
Non useremo i tuoi dati per spammare sulla tua timeline.


Twitter Facebook