13k+ testi hip hop italiani.

LA SCOSSA DELL’ARIA
Linea 2

♥ 659

[kikko]
mi rivolgo a te perché ti percepisco
sei la scossa dentro me, zero conflitto
vivo quando il sole dorme ed intuisco
che ogni giorno ho orme da seguire nel tragitto
forme, che non ho mai visto
nel percorso ombre, dubbi, come nel catechismo
presa per il culo nazionale, m’immischio
carico di altruismo, quanto di egoismo
aspro il futuro e, crespo il passato, qua
vendono il cianuro là, nel supermercato
un fuck, non mi va mo di vivere da complice
lontana verità, la libertà la vende il giudice
nomadismo urbano che mi spinge a ricercare
la forza quella marcia in più che pochi sanno dare
di più, fatti un po’ sentire se ci sei anche tu
siamo pronti alla battaglia quaggiù, no battaglia tra crew
regna il rap insulto, verità nascoste, Previti e l’indulto
fumo fumo e son fatto, intatto Dio è distratto
ora guardo in alto, cerco il tuo contatto

rit. x 2
mi rivolgo a te che sei la scossa dell’aria
donaci la forza almeno quella necessaria
per combattere e lottare, brucia la mia rabbia
lotto con la forza fino alla prossima alba

[poker]
ho bisogno di un “coffee”, o “sexy”, ma shop
ho bisogno di funky, non finti show
santi pedanti, pesanti, parlanti di calcio e sport
resta che ti cago in testa, come Spider Pork
e se il presente è fottuto nel cesso, il futuro è alle porte
stiamo sempre tra successo oppure prendere moglie
nel paese dove regnano discariche e fogne
tu parli e a me non me ne fotte un cazzo di Cogne
cerco stimoli e gli stimoli mi sembrano prugne
ai tavoli del bar, i fratelli sembrano spugne
ho crampi nello stomaco che sembrano doglie
e, davanti ad un miracolo non mangio le foglie

[esse]
se non lo sai puoi cercare, affronta i tuoi orizzonti
la conoscenza è un limite solo se la confondi
affronto una notizia con criterio pessimista
la verità è lontana ad esser prima della lista
e resta già, nella memoria già
ma che memoria vuoi avere tra la realtà, e la mediocrità
la tua vita è pantomima di pubblicità e non finisce qua
al notiziario delle Venti stragi d’appartamenti
mentre Mastella è a margine in tanti approfondimenti
sicuramente un caso ma lasciate che lo affronti
io sono stanco di tant’acqua sotto i ponti
sopra il pensiero di riuscire dove sono qui
sopra il dolore di morire ogni lunedì
trovo riposo si, trovo perdono si
ma più che altro la fatica è dire sempre si

rit. x 2

LA SCOSSA DELL’ARIA — Linea 2
inserito da zaitself

x chiudi

Login

Puoi loggarti usando Twitter oppure Facebook.
Non useremo i tuoi dati per spammare sulla tua timeline.


Twitter Facebook