13k+ testi hip hop italiani.

Depersonalizzazione
Mattak

♥ 23765

Fu il giorno di quel ceppo infetto, ne subii l’effetto interno
quel giorno perfetto si è ristretto ad un inferno
dispetto di quel perno
che mi lasciò l’impronta nella psiche come fosse stato con un caldo ferro

l’ansia dominava nel mio viaggio sotterraneo
e tra un miraggio e l’altro mi sentivo estraneo
tremori, percezioni alterate emozioni bruciate
se iniziate calibrate le porzioni fumate

Era una sauna, visione distorta avevo la nausea
disturbi psichici, la causa un insidioso trauma
presi una pausa invano di quasi un anno,
ma il danno era fatto, il grammo d’un tratto salì, mi sentii fatto da sano

il tatto era strano, l’astratto era in mano
come se scappo dalla realtà che strappo via piano
distacco di scatto senza riscatto di grano
mentre mi sbatto a capire qua do di matto se bramo

La personalità si appanna
depersonalizzazione segue derealizzazione, colpa di una canna
non contro chi banna questo, ma ero Arianna nell’innesto
e prima che ci rimanga vado a nanna presto, mamma esco

cedono le gambe, l’angoscia mi scroscia in coscia
la mia testa inconscia pensa starò meglio in doccia
ma ad ogni goccia la coscienza si sbiadisce
perdo essenza, ho inteso che ora a darmi peso sono solo le mie viscere

non vedo sbocchi, io non ho più occhi per i quadri fogli
i miei sfoghi sono scarabocchi sopra quadri e fogli
non sentirsi il cranio, mente staccata dal corpo
guardarsi la mano e vederla lontano dal volto

Ma non è pazzia, la diagnosticazione
è apatia e cristallizzata dissociazione
domande su se stessi, esistenza confusa
la mente fusa che dilata i suoi pensieri agli universi

mi scordo il ruolo di persona per una cattiva stona, che risuona rintrona,
rendendomi in uno stato di coma vivendo da automa,
l’effetto è di sottofondo
e mi ha accompagna a letto come quando si fa giorno


Se guardo il vuoto me lo sento dentro il corpo,
come il moto che aumento se dentro corro più distorto
più penso, più cade la coscienza in vetro
a conoscenza del dialogo col mio alter ego, monologo tetro

vivo dietro a un vetro che distacca
vorrei partecipare alla mia vita ma se mi avvicino scappa
da questo lato vita non magnanima
se cammino trascinando il corpo appeso alla mia anima

Ho un identità che oscilla come pendoli
passo la vita guardandomi allo specchio e non riconoscendomi
Un arma contro l’ansia che adopera la mente e,
sciopera, spesso opera perso nel niente

La mia testa è un alveare,
lontano un metro siedo, attraverso un vetro vedo e retrocedo dal reale,
come un ginepro d’arredo in zona balneare,
prego e sto segreto tetro credo si voglia alleare

Vorrei dal margine sfociare, piangere ed amare
ma in sto carcere mentale non è facile il sociale
il male d’associare a mancanze di dame
non ho nessuna con cui stare perché non so conquistare
Vuoto interiore, dopo ore, nuoto nella percezione,
una foto esteriore, è ignoto ogni emozione
Non ho salute in mente, alle sedute ne si discute sempre,
ma non si conclude niente, mentre

Spesso perso trovo le difficoltà
quando stento ad essere connesso verso la realtà,
scrivo il testo con l’acidità
vivo questo e sento l’estro il mio maestro in me stesso solo se immerso nel rap.

Depersonalizzazione — Mattak

Inserito da Luca Dominici

x chiudi

Login

Puoi loggarti usando Twitter oppure Facebook.
Non useremo i tuoi dati per spammare sulla tua timeline.


Twitter Facebook