13k+ testi hip hop italiani.

Mario (introduzione recitata)
Mauro Marsu & Antonio Kaino

♥ 347

4) Mario - introduzione recitata

Narici stuzzicate da un odore familiare di caffè.
Svegliarsi con un odore, piuttosto che col rumore di una sveglia che squarcia il silenzio. Un privilegio raro, che per Mario, è quotidianità, grazie a sua moglie. Dopo un bacio che sa di caffè, i piedi ritmicamente toccano terra. Le mani carezzano lenzuola prima di darsi un’energica spinta, per sollevare un corpo, le cui orecchie scrutano i rumori della casa per il turno in bagno. Nell’attesa, occhi cercano il mare, in lontananza, fuori dalla finestra. La nave che Mario sta costruendo al cantiere, sembra un modellino, vista dalla periferia. Piccola, come piccoli descrive in famiglia i problemi che sta affrontando al cantiere dove lavora da trenta anni, e dove prima di lui, lavorava suo padre. Problemi che invece sono grandi come quella nave, vista da vicino. E’ la capacità o l’incoscienza di caricarsi i guai sulle proprie spalle come moderni atlante, per far girare il mondo della propria famiglia, il proprio mondo, con più leggerezza. La leggerezza con cui scherza in cucina, dando il buongiorno ai figli, Sara e Luigi, di cui sembra un fratello più grande di molti anni, più che un padre. Mario, ascoltiamo la tua storia…

Mario (introduzione recitata) — Mauro Marsu & Antonio Kaino

Inserito da Mauro Marsu

x chiudi

Login

Puoi loggarti usando Twitter oppure Facebook.
Non useremo i tuoi dati per spammare sulla tua timeline.


Twitter Facebook