13k+ testi hip hop italiani.

A Fondo
Microphones Killarz ft. Hyst

♥ 3370

resto ad un millimetro dal baratro un tantino ancora lucido chiudo gli occhi un attimo
almeno meno ricordi in merito mo che mi merito sarebbene bastonate e dedico
la mia passione tritura e m’ammazza il fegato sadico di botte di pugni sempre giu in pancia
testate in piena faccia due ore di scuse non bastan mi danno del fattone da stanzino
passo incolume in mezzo i fumi e le nebbie di sto camino
e t’indovino persino le labbra della tua bambi che per fare “ammore” hardcore t’ha costretto a scaricarci
cosa sostengo??se lo stanno chiedendo tutti mi teorizzano nuovi trip consapevoli gia di farseli
(erhmm…puh)sintonizzo in chiave pessima compromessi tra la loro la vostra e la mia di testa
vuoi mettere schifezze a parte non si campa sporco indosso come un mestruo che bagna lo stesso tampax
quando s’incassa ci si promette d’essere piu amari
mordersi con gli altri cani pronti come nei mondiali
e invece piace farsi diverse facce ma siamo della stessa specie

[rit]
chi cerca verità chi pensa e medita chi fa la predica e infondo si somiglia
tu cerchi i tuoi tesori sui fondaliaffoghi i tuoi mali in fondi di bottiglia
chi va in america chi scappa ed evita quest’aria isterica e chi si cala un trip
dice che infondo siamo tutti uguali siamo tutti uguali, ma uguali a chi?

ci sono giorni in cui se chiami io non rispondo
e quei momenti lo senti che tocchi il fondo
e non ho modo di svegliarmi se non è un sogno
non c’è nessuno a cui importi intorno, ye
conosco bene la mia forza e ci conto però
mi faccio carico dei mali del mondo e lo so
ci sono cose che non posso cambiare ma
ci sono torti che non voglio ignorare
fumo quel rimasuglio di un etto di, golden virginia
che è rimasto nel cassetto, l’avevo detto che
smettevo ma smetto, si, tutte le
volte che finisce un pacchetto
così funziona e non ci stanno santi
i panni sporchi non ritorneranno bianchi
indietro certo non possiamo tornare
hai toccato il fondo, tocca iniziare a scavare

quando le mani sono fredde, e non sai perchè
ma lo intuisci dal fatto che nessuno te le riscalda
e il calore non è, riconducibile a una fiamma
o sinonimo di amore incondizionato, non è questa calma
non è quello che vedi, o cosa ti ferma
quando corri così forte che sembra che devi
toccare il fondo, prima con gli occhi e poi con i piedi
che se lo freni, non vale la pena di raccontarla
fammi un favore, che poi serve a entrambi
dammi una mano a rialzarmi, poi faccio io, lo so che piangi
parlami dei tuoi cazzi, oggi voglio ascoltarti
sto peggio di te, ma me ne sono accorto tardi
affondo, nelle lenzuola umide dell'ansia
modi di comportarmi testati per la distanza
e mi offendo, solo così ti apprezzo
la felicità l'ho fatta piangere da un pezzo e mò

[rit]

il mio organismo non regge sto meccanismo autodistruttivo
con un pessimismo degno delle giornate più grige
mi spinge al nichilismo, una scheggia che traffige l'ottimismo ributtandoti nel gregge
e peggio che c'è di un gesto perso in un automatismo
del resto chi resta nel vittimismo si immerge
sono uno stronzo che riemerge barricato dietro un faccia di bronzo
ma ricado nelle storie più lerce
ho ancora frecce al mio arco, no hardcore ma malto da alcol,
alla mia mercè perchè è merce d'assalto
steso sull'asfalto, di un baratro
pareti alte e il panico ne aumenta il diametro
ogni azione un rammarico, ogni parola un mosaico, che provo
ma ho la testa in sovracarico dal lunedì al sabato
solo a mio discapito un nuovo recapito e
ne dove abito ne l'abito fan di me quello che sono

[rit]

A Fondo — Microphones Killarz ft. Hyst
inserito da Anonimo

x chiudi

Login

Puoi loggarti usando Twitter oppure Facebook.
Non useremo i tuoi dati per spammare sulla tua timeline.


Twitter Facebook