13k+ testi hip hop italiani.

Ogni maledetto giorno
Mostro

♥ 2222

Ho chiesto aiuto a dio una volta sola,
mi ha buttato a terra e poi mi ha preso a calci,
tornai a casa con un occhio viola,
ma ho imparato cosa vuol dire fidarsi.
La miseria non sta solo negli stracci,
nei ragazzini che giocano scalzi,
so che un sogno vale più di ogni altra cosa,
quindi guardatevi dentro siete voi i poveracci.
Condividiamo lo stesso dolore,
per questo nelle mie parole ti ritrovi,
non puoi perderti se entri nel mio cuore,
intricate geometrie di rovi,
la felicità va conquistata,
quindi preparati perché la guerra è appena cominciata,
lacrime di rugiada
sopra i caschi dei soldati caduti per strada, in questo scontro io contro me stesso e il mio riflesso nello specchio, lo prendo a testate, lascio il sangue sopra il muro, ops, scusate!
Stendo quattro strisce sul mio disco e tiro su dal naso la cenere nera di vecchie poesie bruciate,
sono ciò che mancava al rap di adesso,
uno schizofrenico depresso mezzo pazzo,
metto su youtube un video in cui mi tiro fuori il cazzo,
guardo le facce, una rap reaction,
non puoi fermarmi e chi ci prova si scava la fossa,
sono letale come un cobra che stringe la morsa,
senza catene d’oro, puttana, salirò sul palco
con una collana fatta con le loro ossa,
dentro quattro mura di cemento,
ma più passa il tempo
e più mi sento che divento violento e brutale,
rinchiuso nella mia prigione mentale,
i miei occhi sono le finestre da cui quali guardo il mio mondo bruciare.

RIT

Notti infinite aspettando quell’alba che non sorgerà, pensavo soltanto a una cosa, fuggire lontano da qua, ricordo avevo solo il buio intorno, ciò che avrei dato luce a questo sogno, io lo sapevo, ci credevo, me lo ripetevo ogni maledetto giorno, ogni maledetto giorno, ogni maledetto giorno, ce l’avrei fatta, lo sapevo, ci credevo, me lo ripetevo ogni maledetto giorno, ogni maledetto giorno, ho detto ogni maledetto giorno, io lo sapevo, ci credevo, me lo ripetevo ogni maledetto giorno.

2 strofa
Ho chiesto aiuto al diavolo una volta sola,
mi ha teso la mano per rialzarmi,
mi ha dato un microfono ed una pistola,
poi se n’è andato senza salutarmi,
per caricare, calibrare ogni parola,
sputo proiettili dalla mia gola,
perché so cosa vuol dire stare male fino a diventare tu quel mostro che ti divora, e allora sali su quella montagna ma se scivoli,
se cadi ancora, ci riprovi ancora,
e quando sarai in cima, salta,
chiudi gli occhi, tira i dadi, apri le tue ali e vola.
Sognavo di non essere mai nato,
pensavo che sarei finito accoltellato,
che sarei impazzito, poi tutto è cambiato,
quando questa musica mi ha impossessato,
è stato il rap che mi ha salvato.
Sarò sempre grato a Bassimaestro,
lui non lo sa ma è stato il mio maestro,
succhiatemi il cazzo, ricorderò per sempre quella canzone,
so a memoria ancora tutto il testo,
ero un ragazzino, rimasi scioccato quando per la prima volta per caso ascoltai quel pezzo,
mi ha insegnato che se hai merda da sputare cristo santo devi farlo non esiste via di mezzo,
io griderò per la gente come me, come me quella gente griderà per la mia città, per chi non ce la fa griderò,
per chi è sempre giù,
per chi non c’è più, però è sempre qua, per le cicatrici e i lividi, per tutte quelle cose orribili
che ancora io mi porto dentro.
Questa penna è la chiave della prigione, stronzo comincia a scappare le porte si stanno aprendo.

RIT

Notti infinite aspettando quell’alba che non sorgerà, pensavo soltanto a una cosa, fuggire lontano da qua, ricordo avevo solo il buio intorno, ciò che avrei dato luce a questo sogno, io lo sapevo, ci credevo, me lo ripetevo ogni maledetto giorno, ogni maledetto giorno, ogni maledetto giorno, ce l’avrei fatta, lo sapevo, ci credevo, me lo ripetevo ogni maledetto giorno, ogni maledetto giorno, ho detto ogni maledetto giorno, io lo sapevo, ci credevo, me lo ripetevo ogni maledetto giorno. (x2)

Ogni maledetto giorno — Mostro

Inserito da Giorgia Camiolo

x chiudi

Login

Puoi loggarti usando Twitter oppure Facebook.
Non useremo i tuoi dati per spammare sulla tua timeline.


Twitter Facebook