13k+ testi hip hop italiani.

La notte
Piratiello ft. Angelo Callipo

♥ 943

Piratiello rit:

La notte se ne và, ci ruba l’anima e svanisce lontana più che mai. La luna è scesa già e ci accompagnerà al domani, che presto arriverà.

Angelo Callipo:

Questa notte, questa notte se ne và ed io sono sempre qua. Accendo un’altra sigaretta. Il tempo passa in fretta mentre la vita, la vita scorre sopra una bicicletta lenta che prima o poi si fermerà, che prima o poi si fermerà. La luna intanto dolcemente scende e la notte si chiude nelle sue faccende. Notte di scene diverse, notte di scene complesse come in un teatro: ogni protagonista con la propria storia, il proprio passato. Ora vi spiego:

Piratiello:

Gennaro so’ trent’anni che fa ‘o camionista, Tene e call ngopp e mman pecchè carica e scarica, scarica e carica, E stanotte oì, stanotte sta assettato dint ‘o stritt’ e stu camion, luntano da casa, sta pensanno a Marì.

Luana invece comme tutte e sere fà a puttana, ncopp’ a sta vie chiene ‘e fetenzie, stanotte sta facenno arricreà a nu commissario da polizia. E pensà cà essa è laureata, era venut ccà pè fa l'avvocato.

Pascal tene 13 anni e stanotte comme tutte e nott’ nun riesce a piglià suonno, assettat ncoppo o liett, aret’ ‘e sbarre e sta cella , ma dimane mammà, dimane mammà o vene a truvà, che contentezza.

Don Peppe nun songo manco l'otto a sera ca se va accuccà pecchè dimane all'alba adda “j” a zappà. A terra nun se fa aspettà. Si fà nu bicchierino e vino russ’ e chi s’è visto s’è visto.

Piratiello rit:

La notte se ne và, ci ruba l’anima e svanisce lontana più che mai. La luna è scesa già e ci accompagnerà al domani, che presto arriverà.

Piratiello:

Giuvann a barba, se stenne mmiezo a via, si chiure dint a carte e cartune e va a durmì riun. Tanto chi passa pò sulo pensà: “guarda a stu Barbone!”

Gerardo invece nun sta durmenn’, è ghiut a faticà, stanotte iss’ stà e turn. Fatica dint a nu forn e se fa o mazzo tanto.. Se nò dimane o ‘ppane chi ciò ddà ?

Alfonzo invece sta tutto scummat’ ‘e sanghe, stasera dduje sciem’ cu na molletta l'hann fatt’ ‘o scippo, l'hann fatt’ male, e tutto chest .. va a pensà .. Pè nu cellulare

Ilaria invece sta tutta pigliata, stasera è ghiut a ballà, a casa nun se vuleva arritirà pè stà cu chillu ‘llà che s’’a pigliato o core. Essa ce crede dint all’ammore.

Piratiello rit:

La notte se ne và, ci ruba l’anima e svanisce lontana più che mai. La luna è scesa già e ci accompagnerà al domani, che presto arriverà.

Angelo Callipo:
tra le lacrime dei disperati, i sorrisi degli ingenui, i sogni dei bambini, i baci dell’amore e la paura della solitudine un’altra notte è passata ed io sono sempre quà che accendo la mia ennesima sigaretta. Ascolto un’altra giornata che inizia, come una chitarra che strimpella.

La notte — Piratiello ft. Angelo Callipo
inserito da francos

x chiudi

Login

Puoi loggarti usando Twitter oppure Facebook.
Non useremo i tuoi dati per spammare sulla tua timeline.


Twitter Facebook