13k+ testi hip hop italiani.

Scuola
Piratiello Mc ft. Capatosta Mc

♥ 925

Piratiello:

Vi racconto la storia di Piratiello nella scuola, la sveglia alle 7.30 col gallo fuori che stona, mia mamma che mi butta giù dal letto con rabbia, e mi dice che se non faccio in fretta lei non mi accompagna. Adagio mi alzo dal letto, metto le babbuccie e barcollo sopra il pavimento, crollo per il sonno, mi trovo davanti

allo specchio e guardo il mio sguardo riflesso, perplesso per il capello andato perso nel complesso.

Mi lavo e subito dopo mi vesto e la gelatina investe i miei capelli

sulla testa che resta liscia come una pista di liscio,dove svanisco nei miei pensieri,

ma subito dopo sento il fischio di mio fratello che mi chiama a voce forte e dice: se non vieni ti

butto in testa il pianoforte e il resto sono botte, ti schiamazzo a terra fino alla morte.

Piazza Pitesti a piedi mentre chiedi una sigaretta a tutte le persone che vedi fino al “Thaity”,

l'aspetto è quello del ragazzo “trankillity” con la borsa sulla spalla e l'altra mano nella tasca,

caffè con gli amici nel bar, sul bancone zucchero,bicchiere,cucchiaino e tazzina,

ok sono pronto, anche questa mattina si può entrare a scuola!!

Piratiello trascorre tutto il tempo sulla sedia del bidello,sistema il cappello e a ogni ragazza che passa

ci fa uno sguardo da bello senza pensare che dopo ha l'interrogazione su “Raffaello”.. e intanto va in bagno con il compagno, fuma la sigaretta, poi rientra in classe dopo un oretta, siede vicino alla studentessa perfetta e cerca di copiare la risposta più corretta per il compito di letteratura.

Per le mie”prof” io ero proprio una tortura, rottura, sventura, paura, la sensazione che provavano

quando facevano la faccia scura, dicevano: questo ragazzo quì in testa ha solo segatura, il resto

non lo dico perchè poi c'è la censura! Mi hanno cacciato dopo 5 anni, mi hanno buttato fuori dai banchi, anche se ora restano i ricordi della scuola e dei compagni sempre con me!

‘E cumpagn’ che magagn’ dint’’a scola, ‘e jurnat’ po passat’’a fa filone,

dint’’a capa ‘a campanella sona ancora, autogestion’, occupazion’, tiemp’ bell’ dint’o core!

Capatosta:

Sei e'trent 'a'sveglia sona e nun a' sent', mammema dint'o'liett allocca: “scetete fetent'”,me scet’,

a'stud’ e me riaddorment’, 'intanto entra pateme gridann’ dint' ‘a 'recchia:“sosate ca è tardi, chi te'vviecchie!” Aiz' ‘a serranda, me leve e'cupert, me trova cu ‘e vestite a'sott', me dice:” ma che ora e'fatt’ stanott'?” Guard' l'orologio e già sò e l’otto manc’ vint’, zomp' a dint'’o liett'’e colpo, me lave, me veste

e magne tutt' ‘na bott', poi scengo currenn' appriess' ‘o pulmann’, me vene l'affann' cercann' do acchiappà,

ma inciamp' dint ‘a na pozzanghera, arriv' ‘a fermata tutt' bagnate (meno male che l'autobus s’è fermat'),

ce saglie ncopp' ma sbatt' ca' capa sott' ‘o soffitt’pecchè sò tropp’ alt’, talmente da gente ca ce sta

sto compresso ca faccia dint ‘o finestrino, strett'comm' ‘a na sardina dint’’a scatoletta, trase ‘o controllore

e va truvann' ‘o bigliett’, ma nun o'teng' e ma faccio catapere cinquant', camminann' vers' ‘a scola incontro bambini persi ca nun sapeno ‘a direzione, me chiedono ‘a cartina ed io c'indico la strada per l'asilo,

arriv' fora ‘o canciell' e m'accorgo che m’aggia scurdata ‘a cartella! Nun fa niente, tant' nun serv', sona a'campanell' e ce sta’o solito dilemma: trasimm' o'ce vutamm'a filone? Io dicess' ‘a second' ora, accussì

me scamp' l'interrogazione, poi sostituzione pecchè ‘o professore nun ce stà, si ma ‘o compit' chi ‘o sape fa? nun te preoccupà, ‘o truvamm' quaccheduno ca ce fa copià, iamme dint’a scola a parià, pecchè ‘a ‘ffinale chest’ se fa! Camminann dint ‘o corridoio dopp’ c’aggio pigliato ‘ddoie in Italiano, m’appoio ‘a porta e me rilasso, mentre veco guaglione ca vann’ annanz’ e aret’ cu chilli cazone a vita bassa,

nu compagno dice: ”lassale perdere sti cesse, iamm’ dint’o bagno a collassà”, fra nu beatbox e nu freestyle e guaglione chiureno ‘e cann’’e s’abbiano ‘a sballà, dint’o burdell’ pure ‘o bidell’ se mette a ballà, me ne iesco cu ‘na famm’ chimica esagerat’, che piglio a spallate ‘a macchinetta pe ‘na barretta ‘e ciucculata, entro ‘n classe e me mett’ ‘o solit’ post’, aret’ a tutt’ affacciat’ ‘a funesta, me diletto dint’o lancio

d’’o gessetto ncap’’o soggett’ assettat’ annanze, ca aiza ‘a mano quann’ tu stai interrogato, ‘e lecchin’ l’aggio sempe schifat’! “Professò non ho studiato”,”Bravo, come al solito impreparato!”,”Fra tanta gente proprio a ‘mme avit’chiammat’, e comm’ site esaggerat’!”,”Esci fuori scostumato, e domani accompagnato dai genitori!”, “Come volete voi, ma poi nun ve lamentate se ‘a machina vosta tene ‘e rote bucate!”

Scuola — Piratiello Mc ft. Capatosta Mc
inserito da Giakomino Mc

x chiudi

Login

Puoi loggarti usando Twitter oppure Facebook.
Non useremo i tuoi dati per spammare sulla tua timeline.


Twitter Facebook