13k+ testi hip hop italiani.

Uno
Quarta Via

♥ 680


JB
il nome mc coniato da melle mel,
il top dj: lui ideò lo scratch (gm flash),
il re dei block party di harlem e del bronx:
signore e signori vi presento kurtis blow.
i primi a entrare nella top 40 con il rap:
rapper's delight, eh si, sugarhil gang.
ossessionato dalla ricerca del beat perfetto:
l'attivista bambaataa e la sua zulu nation.
uno dei primi gruppi hardcore i run dmc:
i newyorkesi intoccabili da voi sucker mc.
i pionieri del rap politico i public enemy,
bring the noise per flav e chuck d.
la bdp dalla dura realtà del bronx,
il poeta krs one e il dj scott la rock,
il secondo morì per la bridge war:
ci vediamo nel gangsta paradise di coolio.
i de la soul innovarono il jazzy rap,
gli nwa, i primi og, la scritta compton sul cap.
in doggy style, the chronic, il g funk creato da dre
e chiedi cos'è? niente but a g thing.
testi impegnati tra old school e nuova era:
a tribe called quest suona ancora stasera.
elevazione, rivoluzione, grazie al flow di rakim,
suono latino, teschi e ganja dai cypress hill.
l'evoluzione degli stili portata dal wu tang,
l'acronimo c.r.e.a.m. governa ancora qua.
frà, il dualismo tra le due coste, tra bad boy e death row,
ha portato solo alla morte di pac e biggie smalls.
dopo big nas si incoronò re di ny:
non aveva fatto i conti con jay-z.
per citare nas, if i ruled the world...
per gli street dreams solo one love.

RIT(x2):
dimmi tu quale pensi sia la realtà:
non manca l'attitudine ma la maturità,
qua troppa gente sopra un palco e poca sotto
manca l'umiltà di dire "sono di troppo"

MATH BUKOWSKI
ora tutti che parlano di vita alla george best
e fanno i duri, ma il loro idolo è kanye west
e ne hanno il poster, vantano un flow come i-doser
ma sono poser, loser e fanno il pap-test
aprite gli occhi, ha ragione freshhh,
è trash, qua troppi wannabe grandmasterflash,
la doppia acca sta per hano ed hiphopstyle:
li piglio a manate in faccia e gli lascio le furious five.
dai, ci sai fare, ok, però non allargarti,
la metrica e la tecnica le puoi lasciare agli altri
e poi non arrabbiarti, cogline il lato ironico:
fai parte della scena anche se fai l'attore comico.
la zona non è morta, tutt'altro: ha il biberon,
è come fox: un network che trasmette solo fiction,
vedono che il semaforo sfoggia il color del celadon
e scendono e poi tocca a me andare dallo psicologo.
se poi li provoco diventano boxeur,
ci irritano coi loro discorsi da attention whore,
minacciano se rinfaccio al padre l'uso del condom:
è logico, del resto è facile da dietro a un monitor.
va tutto male, è un lutto che non elabori:
è normale farsi brutto e dopo fare i featuring?
quaqquaraqquà buoni solo al blablabla:
hai ragione tu, il rap era meglio tre mesi fa.
lo vedi ancora come valvola di sfogo?
è come torquemada: qua i catari vanno al rogo.
tredicenni con i baggy, il new era, il bling bling,
nell'ipod: b.i.g. e l'ultimo lp dei dogo.
commerciale è un etichetta e pure retroattiva
ma fate schifo uguale, proprietà commutativa,
che tanto c'è fumo ma la fiamma si è già spenta,
io intanto ho fatto uno, non punto subito al trenta.

RIT(x2):
dimmi tu quale pensi sia la realtà:
non manca l'attitudine ma la maturità,
qua troppa gente sopra un palco e poca sotto
manca l'umiltà di dire "sono di troppo"

Uno — Quarta Via
inserito da math.erfucker

x chiudi

Login

Puoi loggarti usando Twitter oppure Facebook.
Non useremo i tuoi dati per spammare sulla tua timeline.


Twitter Facebook