13k+ testi hip hop italiani.

Paradise
Rasty Kilo

♥ 2587

Ya, siamo persi tra ste vie, tra bastardi ladri, guardie e spie
Tachicardie paure e fobie, droge e follie
La salita è lenta, la discesa rapida, capita che perdi colpi, perdi noi
Scontri , colli rotti, conti i morti, legati, prosciolti, reati
Mo sciocchi, rimaniamo soli con noi stessi a fare i conti
Siamo figli dell’odio, figli del demonio, e dio non c’era come davanti a loro giù a piazza Necotrio
Non c’era quando mamma piangeva disperata, quando Zio se la infilava
Infettata, in vena e se l’ignettava, stava male senza
Lo ricordo sul letto nudo che urlava in astinenza, in corsia senza assistenza
Ultima cena,pessima c’era, dov’era quando papà perse sua madre ed io persi mia nonna
Dovrei pregarti e venerarti, ma indietro che mi torna, niente (nulla, nulla)
E statte zitta, che ne sai tu di quello che ho visto, pare che jo messo io sti chiodi a cristo
Da guardare la fine fisso, affilo i banchi, backstage, in-store, non dimentico chi so
Siamo bad boy, Detroit Pistons, porta pala e guanti che col rap vi seppellisco
Fisso il traguardo, più si avvicina, più la gente che avevo prima se ne sta andando
È strano quando chi ti sta vicino è il primo a voltarsi, avvolti su carcasse, catarsi, scaldarsi per poco
questione di sguardi, after party, risse, pische, birre, business, fare i soldi è il sentimento che ci lega a noi altri, annoiati dall’uso all’abuso, con la strada colluso, non mi fido di nessuno, non so più chi ho intorno
Sono confuso

Rit.
Sono perso in queste vie
Tra cattive compagnie
Fino a quando
Questo cielo non cadrà
PARADISE

Sono perso in queste vie
Tra cattive compagnie
Fino a quando
Il mio tempo non verrà
Ero geloso del loro successo
Volevo tutto all’eccesso
Eccerto, depresso, con la testa nel cesso
Riflesso del volto nell’acqua
Il cuore si spacca, ho bruciato tappe, neuroni campa
Sul petto ho fori grossi, bossoli d’ak
C’è chi per la paura scappa e chi attacca
fumo solitario in una cabrio, sogno il Cairo, il caldo, lei accanto
Mio figlio che gioca e ride spensierato, spezza il fiato
A ogni ricordo affezionato dal mio corpo vivisezionato
Sto in catarsi, nel parlare rischi di incantarsi, schiantarsi
Farsi male basta farsi
frasi e sguardi falsi intorno a me
ma devo rincorrere incorrere il mio sogno e ciò in cui credo
Ormai non cedo, momenti bui, in cui non vedo più
Fammi luce
Rit.





PARADISEEEE
PARADISEEE

Paradise — Rasty Kilo

Inserito da Michele Sapuppo

x chiudi

Login

Puoi loggarti usando Twitter oppure Facebook.
Non useremo i tuoi dati per spammare sulla tua timeline.


Twitter Facebook