13k+ testi hip hop italiani.

RUBO presenta RADIO RADE
RUBO ft. Radio Rade, Killa Cali, Tony Sky

♥ 965

INTRO RADIO RADE:
Vi siete mai trovati di fronte alla lacrime di un caro che soffre,
patisce, e voi vi sentite inutili?...è il peggio!!!

KILLA CALI:
Mi chiamano ignorante, sulle riviste del settore,
ne parlano come se andassi fiero di questo dolore.
Mentre i figli di papà fanno i camorristi,
piango lacrime reali contro quegli artisti.
E tutti quanti presi bene dal capo dei capi,
ma non sanno che vuol dire essere arrestati,
e questo mondo è sotto sopra,
e guardo chi ha pianto e gira la clessidra l'ultima volta.
Ho visto quello che una madre ha provato,
con un figlio in prigione e il marito malato,
e combattere il giorno col volto bagnato,
e piangere il giorno in cui il figlio è tornato.
Parabole della vita,
piange quello buono e ride il parassita.
Lacrime sulla faccia dell'uomo di Cinzia,
quando tocca la pancia della moglie incinta.

RADIO RADE:
Se spengo lo stereo io muoio,
Dal soffitto piove l'ansia io ingoio
Queste gocce maledette, un rasoio
Taglia i miei pensieri c'è più sangue che dentro ad un mattatoio
La mia stessa ombra mi rapisce,
Mi promette l'invisibilità e poi mi tradisce,
Basta un po' di sole e s'ingrandisce
Io voglio scomparire, ma lei non lo capisce!!!
Debole,
Le lacrime dei cari sono come tegole,
Che si frantumano sulla mia testa, bambole
Troie di plastica vedo la mia invidia tra le loro mascelle
Si prendono gioco di me,
Perchè sanno che non posso essere altro che me,
Debole, sofferente
Fragile, impotente
Impaurito, un perdente
Il nulla, il niente, no, il nulla il niente
La tua sofferenza è la mia sofferenza (uomo!)
La mia esperienza può essere la tua salvezza (uomo!)
Ma a vederti in questo stato il cuore mi si spezza,
Annego in quest'abisso di amarezza.
Sono un attore e fingo di essere forte
Se questo può aiutarti, ti apro le porte
Del mio cuore con una speranza pallida
Di rallegrarti mentre dentro di me una voce grida:
NON PIANGERE!!!







TONY SKY:
Salvezza per i cari, penso solo coi denari
caseggiati popolari con i bocconi amari
non si pensa al domani qui so' oggi tutti uguali
impotente certe volte, il mio cuore troppi sgari
impari in fretta qui, mentalita' da street
tieni strette le emozioni dentro te chiuso a click
e certe volte si, non servono soldi
l'intelligenza mia sul sonno degli stolti
e vedo mia nonna co la pensione bassa
trattata male da quella mignotta alla cassa
quante volte infuoco con scenate da piazza
ma poi mi vergogno per la mia mossa bassa
mi piego alla morte, al volere di Dio
impotente sono io, stringo ogni ricordo mio
la carne evapora, ma l'anima rimane
in vita sofferenza, dopo il giusto riposare
lacrime passano, segni rimangono
il pianto si consola, i dolori si tramandano
tutto di un pezzo e' la vera debolezza
la fede all'altare e' la vera salvezza.

RUBO presenta RADIO RADE — RUBO ft. Radio Rade, Killa Cali, Tony Sky
inserito da the shining

x chiudi

Login

Puoi loggarti usando Twitter oppure Facebook.
Non useremo i tuoi dati per spammare sulla tua timeline.


Twitter Facebook