13k+ testi hip hop italiani.

Come al Solito
Salmo

♥ 12066

Scaraventato quì da parte a parte in volo, ali di pietra
peso netto cento chili, immaginate che mi aspetta
tra meno di zero sarò già zero
Lazzaro è risorto, il tuo nazareno
è morto e piangi a tempo pieno
mi alleno nel pensarci: scuola di pensiero
sia chiaro che a me è chiaro il segno e io disegno me dal vero
davvero ora ti senti solo in mezzo a questa gente?
coltivabile il tuo seme tra le mani, incandescente
chi c'è dietro le quinte che ti sta suggerendo?
stai perdendo credibilità, che sta succedendo?
stai crescendo con la puzza sotto al naso
curato come un vaso cinese ma resti solo nomi a caso
sole levante! sei una macchia che si espande
sulla giacca sto giacendo da solvente
si sente che sei silenzioso, che cerchi riposo
dallo stress, dal lavoro, dal traffico nervoso
appeso ad una corda col sorriso di uno sposo
ma ricorda che tua moglie sta scopando con quel coso
la tua controfigura ha preso il posto dell'attore
scontate a nota piena, porta e sè tratti d'amore
trattato dal Signore e dalla sfiga in persona
ormai niente ti impressiona se la vita ti lesiona
spreca benzina tra le strade della city
con gli amici discutendo dei problemi concepiti
se mi agiti vedrai quanto mi sfogo, capirete
ti racconto i cazzi miei fumando mille sigarette
e i miei polmoni ne risentono, scusa se mi assento mò
oggi la giornata è come al solito!

è un remake che mi rende incosciente
stesse cosa ripetute, stessa gente
prova a consolare me che non ho niente
(è quì l'appoggio, puoi contarci sempre)
(X2)

è da un po' che non ti vedo, come va? che mi racconti?
so già che non rispondi e te ne vai tra due secondi
magari il giorno prima avevi idea di suicidarti
e ora che ti incontro tu non sai che raccontarmi
mi pare di vedermi agonizzante andare al rogo
e sapere che sto sabato io andrò allo stesso luogo
stessa gente, stesso posto, stessa birra, stesso costo
non reggo l'alcol, tre bicchieri e sono a posto
mi accosto, cambio: guida Marco ogni giorno
ho troppo sonno, io faccio l'andata e tu il ritorno
e sai com'è la vita, è tutto un gioco di squadra
basta che non me la metti in culo male che vada
bada che se ti sembro depresso non mi si addice
io sto bene con me stesso anche se poi sembro infelice
e contraddico troppo spesso ciò che dico
non so mai se fare dopo il quadro e prima la cornice
e sto in silenzio mentre mi coltivo il dubbio
resto a galla grazie a Fabio, Marco, Ale, Fabri, Caludio e Fulvio
e poi con Leno con cui mi alleno a vivere
mi cibo degli eventi, mille versi che ho da scrivere
chi garantisce amicizia in ogni aspetto
chiudo gli occhi, io mi fido, lascio me cadere indietro
e poi vediamo chi mi salva, chi mi prende
magari sarà proprio lui, lui che poi mi vende

è un remake che mi rende incosciente
stesse cosa ripetute, stessa gente
prova a consolare me che non ho niente
(è quì l'appoggio, puoi contarci sempre)
(X2)

vuoi che ti parlo della mia ex? ne sei sicuro?
mi ha lasciato le sue foto e io mi ci pulisco il culo
è un cerchio che non quadra, c'è qualcosa che non va
se la vita ti ladra da me che vuoi, l'onestà ah?
io me ne sto cazzi miei tutto il dì
mi passi davanti mano a mano insieme a quello lì
chi? quello con la Mazda, l'Audi o la Ferrari
basta che ti levi dai coglioni male che ti spari
e mi dimentico il tuo nome, il tuo volto
dei tre anni passati con la faccia da sconvolto
ora sto comodo, sto bene da solo
tra te e la musica io scelgo "Premeditazione e Dolo"
e perchè cazzo sono io quello che soffre?
questa è l'unica volta che ti dedico le strofe
stroieggiate insieme alle tue amiche scrofe
come mai mi imparanoio a casa mentre fuori piove?
e non mi guardo i film "amore e sentimento"
ma sto quì a fare rap fino a quando non ti anniento
mi concentro, i miei pensieri che ti incendiano
si o no? dimmi le tue orecchie se ti fischiano
avevo voglia di sfogarmi, adesso so
questa è l'unica arma che ho, la uso contro te Fiò!
e non ho altro da dirti, boh! scusa se mi assento mo
oggi la giornata è come al solito!

è un remake che mi rende incosciente
stesse cosa ripetute, stessa gente
prova a consolare me che non ho niente
(è quì l'appoggio, puoi contarci sempre)
(X4)

Come al Solito — Salmo

Inserito da Mauro Lebon

x chiudi

Login

Puoi loggarti usando Twitter oppure Facebook.
Non useremo i tuoi dati per spammare sulla tua timeline.


Twitter Facebook