13k+ testi hip hop italiani.

Padrone della Notte
Text Next

♥ 1273

Se c'è una cosa che qualcuno mi ha insegnato davvero,
guarda sempre dritto e sempre meno indietro,
è la storia di un bastardo, nelle strade nere,
credo solo a quello che gli occhi mi fanno vedere.
E' cresciuto tra i palazzi di un quartiere infame
ogni giorno sotto esame, per non sentir la fame,
mani alzate, per guadagnarsi il pane, combattendo contro troppi figli,
di troppe puttane.
Cammina con lo sguardo fiero,da vero capo, un altro morto ammazzato,
nel quartiere ormai è sovrano.
Gira solo la sua roba per le strade, zone trafficate, banda armate,
storie di bastardi con le anime dannate.
Vite scritte e condannate, preferivano la strada delle vite governate.
Ormai stanco torna a casa, dopo una giornata dura,
un pensiero nella testa che quasi lo tortura.
La legge è una, tenere gli occhi aperti e non aver paura,
lui che la strada l'ha assaporata fino infondo dentro nel profondo
quell'odore nauseabondo. Adesso per tutti è il capo dei capi,
rispetto dai soldati che lavorano pagati.
Un compare insieme a Lui, sangue freddo nelle vene, voglia di scappare
ma un dolore lo trattiene; la morte del fratello, Dio per il ragazzo,
grida vendetta del resto frega cazzo

RIT. Padrone della notte buia ed assassina,
il boss del giro fumo e cocaina,
un pugno di fedeli, fidati, uomini bastardi
pestano parecchi piedi,
sangue rosso dei codardi

La fiducia non si compra,
la fiducia si conquista,
l'infame che tradisce per il posto da solista,
cresciuto con il padre che lo picchiava,
alcolizzato,stronzo,sparito per la fama.
Lui figlio della strada,
dettava legge in plaza,
quartieri governati da altri figli di puttana.
E' il ragazzo ormai cresciuto ripensa a quella morte,
il suo amico l'ha lasciato quella maledetta notte.
Cammina in piazza con lo sguardo in alto tra la folla,
e detta legge, il padrino tra la gente che rolla.
Ormai il boss, è arrivato al top, ma non gli basta,
la ragazza che in quella merda c'è andata e c'è rimasta.
La madre preoccupata e lui che vola in alto,
è pronto a scatenare guerra contro tutto il branco.
La notte dorme poco, quanti cazzi per la testa,
nella plaza un traditore è tutto ciò che resta.
Il potere dà alla testa, il padrino diventa matto,
vede solo strisce, alcol, soldi, oro e nient'altro.
Lui che è pronto al grande volo, donne soldi,
ma anche in mezzo ad una folla si può esser solo.
Lui che ha incontrato delusioni nella vita via andando,
stufo del cash che manca, prende il comando,
ragazzo di borgata con il testa il grande salto,
la vita l'ha buttato a terra preso di soprassalto.
Lui che ha iniziato da roba piccola,
con la testa dura cobalto,
dallo spaccio è passato ad altro,
a gestire l'appalto.
Tradito da bastardi, per dare il potere ad altri,
suo padre che si rifà vivo, solo per i contanti.
Quella sera maledetta,
sotto casa della madre,
pioggia a dirotto,
lui che un giorno comandava quelle strade.
La fine del boss,
quattro colpi a sangue freddo,
non preoccuparti che la vendetta
aspetta il freddo.

RIT. Padrone della notte buia ed assassina,
il boss del giro fumo e cocaina,
un pugno di fedeli, fidati, uomini bastardi
pestano parecchi piedi,
sangue rosso dei codardi

Padrone della Notte — Text Next

Inserito da Francesco Bondielli

x chiudi

Login

Puoi loggarti usando Twitter oppure Facebook.
Non useremo i tuoi dati per spammare sulla tua timeline.


Twitter Facebook