13k+ testi hip hop italiani.

Chi Rimane
The Worst AWkWords ft. AN

♥ 718

Strofa meSs

Ultimo ricordo del fatale attimo,
unico grido sordo che mi squarcia l’animo.
Unicorno privo di argentino battito,
il mio corpo sudicio verso un destino pessimo.
Membra che purtroppo non si destano,
sul lastrico mastico la verità che sbraitano.
Tento di chiamarle e non rispondono,
intrappolato dove spazio e tempo si fondono.
Il dolore sembra quasi morbido,
mi muovo fluttuando verso un luogo tiepido,
il colore che prevale è quello limpido,
spero d’ingannarmi immaginandomi da spirito.
Preghiere auliche su bocche auree e sane,
lacrimo se m’immedesimo in chi rimane,
schiere di dogmatici e patetici amen,
immagino l’animo vano in lacrime estranee.
Poca gente al funerale ma abbastanza,
per capire chi mi amava solo in apparenza,
presente l’amarezza, di tutta la famiglia
si palesa la tristezza, in flora vermiglia.
Padre, madre e figlia che si stringono,
in un abbraccio silenzioso ante loculo,
quante lacrime che sulle gote stridono,
l’obolo per un distacco che m’inoculo.
Antidolorifico benefico e venefico,
meno tragico il saluto estremo ed epico.
s’edifico ed amplifico l’amore serico,
di chi con il suo cuore vuole darmi merito.
Battito di ali pari ad urlo tra noi simili,
tra vari volti fragili occhi vigili indicibili,
unici fra i validi leali sguardi umili,
bulbi di J umidi, fiumi di lumi solubili.

Ritornello AN

Perché ora sono morto e vedo,
il pensiero della gente e credo,
che alla falsità non v’è rimedio,
mani in lacrime mi danno il medio.
Fonte del pulito sudiciume,
quelle mani che mi danno un lume,
non per luce per bruciar le piume,
delle ali che il mio corpo assume.

Strofa J-honKEY

Mi attendo dall’impatto un dolore lancinante,
non comprendo perché il guidatore lanci tante,
imprecazioni, recalcitrante contro interpretazioni,
lacrimante fa prefazioni alla verità che accosto,
a ciak e azioni con entità da “Ghost” o,
a convinzioni cadenti in cieli d’agosto,
stelle ardenti con gelidi fumi d’arrosto,
al posto loro dai visi cadono fiumi di gocce,
corrodono rocce se rodono vere e sincere,
la terra non teme facce plasmate in cere,
nell’incedere osservo sfere trasparenti,
menti scadenti, tra parenti e amici presenti
menti se ti senti tra parentesi e abbandonato,
infelici han donato paresi del viso domato,
ora intonato a cuori arresi ai crampi indicibili,
tesi, ampi e invincibili lampi con scibili sibili,
simili alle urla echeggianti alla funzione funebre,
a condurla pianti scheggianti la tensione lugubre,
succube del male mio fratello cerca ragione salubre
per reggere il cartello che nutre ogni speranza.
La sfiducia avanza scalza e scalza la temperanza,
il tempo che avanza s’alza e comincia a pesare,
pensare e soppesare la voglia di continuare
a coltivare la vita s’impone per i famigliari,
per l’anima contrita di chi mi ama fra miliardi
di codardi con trista falsità negli sguardi,
mi contrista smascherarli troppo tardi,
i tarli ancora non rodono la lignea corazza,
la linea dello sguardo che sprono e scorrazza,
si piazza su meSs prono e inconsolabile,
l’inconscio labile lo valuta amico affidabile,
affabile rialza la testa, la luce insondabile
dei suoi occhi mi ridesta l’abile memoria,
lui alla mia destra in auto alla fine della storia,
dell’ennesima cavalcata con gloria da gaucho,
non mi spancio per il calcio e gancio da Groucho.

Ritornello AN x2

Perché ora sono morto e vedo,
il pensiero della gente e credo,
che alla falsità non v’è rimedio,
mani in lacrime mi danno il medio.
Fonte del pulito sudiciume,
quelle mani che mi danno un lume,
non per luce per bruciar le piume,
delle ali che il mio corpo assume.

Chi Rimane — The Worst AWkWords ft. AN
inserito da Anonimo

x chiudi

Login

Puoi loggarti usando Twitter oppure Facebook.
Non useremo i tuoi dati per spammare sulla tua timeline.


Twitter Facebook