13k+ testi hip hop italiani.

Faccia A Faccia
Vacca ft. Enmicasa

♥ 1714

Por la cay della mia city sotto tiro,
ogni fottuto giorno apro la spiro,
fino a toccare il cielo con un dito,
salta con migo,
salta di più-di più,
fino a perdersi nell'infinito,
troppe vite appese a un filo,
occhi spenti dal delirio,
senza sorriso,
eco di un sospiro,
prova a domandarti quanto conta la tua vita, ricorda,
c'è sempre un'alba che t'attende ed una via d'uscita,
non c'è malessere che possa arrestare il tuo battito,
questione di un attimo,
questione di non cedere per continuare a credere,
un nuovo giorno per resistere,
sopravvivere per insistere,
in ogni posto,
ad ogni costo,
la sua immagine sfuocata nella mia cabeza,
ma questa è un'altra storia,
un'altra storia spesa...

Sono attimi su attimi,
istanti dopo istanti,
stessi scleri giorni in bianco e nero,
vedo ma non credo,
non ci credo, ma è vero, lo vedo,
faccia a faccia con il mio alter ego (x2)

Hai mai pensato anche solo un secondo di non esser più qua,
non poter bere l'acqua,
non respirare l'aria,
perdere tutto in un'istante che va,
ad addormentarsi nel sentiero dell'infelicità,
chissà chi ha la capacità di risvegliarsi dal sonno profondo,
per ritrovare la propria vivacità,
chissà se esiste una vera preghiera,
in grado di poterci salvare in qualsiasi maniera,
suppongo ci sia,
io intanto ci provo con una poesia,
ad allontanare la vecchia signora dalla mia via,
sono attimi su attimi,
pensieri in bianco e nero che faccio,
ci bevo su e mi concio uno straccio,
penso ad altro,
faccio una bomba ma mi manca il filtro,
prendilo tu, lo trovi là dentro,
mi sento,
solo e distutto,
vedo nero d'appertutto,
tengo duro finchè riesco a rimandare il lutto.

Sono attimi su attimi,
istanti dopo istanti,
stessi scleri giorni in bianco e nero,
vedo ma non credo,
non ci credo, ma è vero, lo vedo,
faccia a faccia con il mio alter ego (x2)

Spingi o sei spinto,
il tuo volto è spento,
vola via col vento,
cercando un senso,
nella stanza bruci incenso,
mi fermo e penso,
alla ricerca di uno scrigno,
sul fondo di uno stagno,
riflesso, perplesso,
riflette sensazioni, affiorano paure,
viaggi nelle terre più oscure,
immerso nelgi abissi,
lontano fino al sole in eclissi,
in alto con le nuvole e la luna,
porterà fortuna,
servirà a qualcosa,
vivere un inferno,
proprio questo mondo, ormai collasso,
fuori come un quadro di Picasso,
colori eterni catturati su una tela,
incorniciati come occhi rossi di ogni sera,
in compagnia di uan bambola Voodoo, Smokers!
In un rito di magia.

Sono attimi su attimi,
istanti dopo istanti,
stessi scleri giorni in bianco e nero,
vedo ma non credo,
non ci credo, ma è vero, lo vedo,
faccia a faccia con il mio alter ego (x2)

Faccia A Faccia — Vacca ft. Enmicasa
inserito da lalory

x chiudi

Login

Puoi loggarti usando Twitter oppure Facebook.
Non useremo i tuoi dati per spammare sulla tua timeline.


Twitter Facebook