13k+ testi hip hop italiani.

Un traguardo in più
Valerio Nazo ft. Davide Nicosia

♥ 1887

Rit :

Non c'è piu' niente che tu possa fare
ti prego frà adesso lasciami stare...X2

1a strofa:
Davide Nicosia:

Si tu si o' mal, te preg stamm luntan
staser nunn è nuttat, stanott già sto scetat
penzier p chesta cap, nun me fann chiu' mantenè
so semp chiu' gross e me, ma sto aspettann ancor na chiammat...
chill comm e me mo vonn fuie ra cà
sognan d'evader ra sta realtà
cercan r'asci' ma stann ancor cà...
già da quand er creatur er capit l'andatur
ca na raccomandazione nun t'assicur nu futur
e si vuò coccos i buon fors è megl ca tu sur
si vuò parlamm i music ma fatt na cultur
poi matur e te ne accuorg ca stu munn fa paur
e i nummer se contan rint a vit è nu tetris
ca a mafia è chiu' re cas, sta rint a legislatur
e a meritocrazia purtropp nun esist
paur comm vir na femmen annur
rint o' liett i casa toia ca te slacc a cintur...
fai brutti figur!
senza vuttat figl i puttà
crisciut cu poc e pur cu tant
nuie amma luttat e chist è o' risultat
biv sheridan pe dimenticà
o' scè stai delirann? nun tien identità
sta scen i muort e famm io cerc i l'evità
e si vuò a sincerità apprezz chi se rà da fà
pcchè sap ogni difficoltà...

RIT:

Non c'è piu' niente che tu possa fare
ti prego frà adesso lasciami stare
non cerco niente da te io mo sto bene così
per questo lasciami fare la musica che mi pare
io lo so bene chi sono, sono cresciuto qui giu'
conosco quello che faccio non devi dirmelo tu
ogni obiettivo raggiunto sarà un traguardo in piu'
che ne sai tu di me sarà un traguardo in piu'

2a strofa:
Valerio Nazo;

Io spettatore di questo tempo, contemplo questa clessidra
in moto e noto granelli di sabbia dare più rabbia a questa gabbia di vuoto
non posso restare a guardare,
l'andare del tempo che scorre veloce e feroce mi assale,
nuoce fermare la voce per fare
di questo tempo monotono, un emozione, un testo,
se tutto quello che annotano è depressione adesso,
senti le classe che esplodono e come tutto questo,
toglie quel peso allo stomaco, muore tutto il resto
la testa pesante di vuoto che satura l'aria di nullafacenza,
annula sapienza, da la capienza a pensieri sconfitti sulla partenza, non va, rendo insignificanti troppi istanti,
ma limito i tanti rimpianti se i pianti fan parte dell'esperienza
qua la sera si fa tardi, per prender sonno prima,
prima di passar da riflessione a depressione
e per non dare spazio alla tristezza che si insinua,
con lo stato di "Veglia" (Ungaretti) scrivo lettere piene d'amore.

Rit x 1

Un traguardo in più — Valerio Nazo ft. Davide Nicosia

Inserito da Luigi Vicidomini

x chiudi

Login

Puoi loggarti usando Twitter oppure Facebook.
Non useremo i tuoi dati per spammare sulla tua timeline.


Twitter Facebook