13k+ testi hip hop italiani.

Viba - A luci spente
Viba

♥ 566

Cammino a un metro dal suolo, stasera
nei tuoi occhi impressa la primavera
Io l'autunno e il gelo di un inverno che non passerà
ritrovo pace in una birra media fredda

Respiro il fumo di questa sigaretta
troppo corta per quello che mi aspetta
colori spenti dietro queste mura, quattro mura
la fuori il mondo cambia
e io rimango dietro in cura

E adesso, segno con un gessetto sopra un muro
quanto manca prima che mando tutto a fanculo
a volte penso su come sarò o che farò
ripenso al fatto che al passato non ci penserò

In giro, notte fonda, la città affonda
tra un bicchiere in mano e la testa che sfonda
il limite del possibile, il litime del vivere
il limite di tutte queste emozioni libere
__

Rimango sotto la pioggia cadente
incessante come un giorno di Settembre
dove il respiro si blocca per sempre
un momento in lacrime di una vita deludente

mentre, cerco di basarmi su questa gente
per cercare forza per assolvermi dal niente
ho il cassetto pieno di sogni e di per sempre
tiro le somme su questo schifo di presente

Dio, passami un'altro bicchiere
questa volta riempilo per bene
Questa volta vado giù
dove un abbraccio è ciò che tiene
ricordare è l'assonanza migliore per queste sere

Immobile a fissare questo panorama
qui lentamente tutto quanto si sgrana
colpa delle mie aspettative ma una cosa è chiara
E' colpa di chi per mano mi ha fatto strada

Viba - A luci spente — Viba

Inserito da Vincenzo Baglieri

x chiudi

Login

Puoi loggarti usando Twitter oppure Facebook.
Non useremo i tuoi dati per spammare sulla tua timeline.


Twitter Facebook