13k+ testi hip hop italiani.

Ferite
Yojimbo ft. Hyst

♥ 1438

(YOJIMBO)
Sento me stesso dire qualcosa,
sorrido senza sentire qualcosa
come una crosta d'angoscia ???
che copre una cosa concava vuota
e una scorza di colpa,
collera e noia e crollerà ora.
Sò che, mmm, devo restare a galla,
abbassarsi a servire ai tavoli, pur di restare a galla.
Sò che, si sono presi tutto in mia assenza,
lei sa che non mi ha senza
la nostra piccola pace non pare la mia assenza
o lo scopo per cui la scosto, le urlo la mia ascesa,
ruggimi le cose che la notte ha per me, le stesse a cui vuole rinunci,
ma ho la mia forca,
un futuro, due figli, un cane e una Ford Ka.
Credi che nei videogiochi
di voi non mi invidio i giochi,
dubbi dissolti come i cadaveri dei videogiochi.
Il tuo obbiettivo mi passa, brucia e mi innalza,
c'ha la forma dei sogni di un uomo cieco dalla nascita

(HYST)
Il cielo e lì, ma ti domandi se hai la forza,
non si può, uccidere qualcuno che sia morto già una volta.
Perchè non fare niente a volte è come fare di più,
o marcire qui giù o risalire scale di blu
e ripartire dalle ferite, quelle che mi hai lasciato tu!

(YOJIMBO)
Sollevarmi,
dalla stessa merda da cui mo non so levarmi.
Fori, ferite, fogli, fisse, troie, visi fuori, le fitte, scaglie di cielo,
piede sul pedale, premo ed accelero e ho già perso.
So che, o vado a fondo, mentre mi muovo, o vado a fondo...
fino a qualcosa che salta, rabbia,
una cosa che scarta, cambia
sto gioco non c'ha le regole scritte sopra una scatola ora...
Idi di marzo, scelte di campo, guerre combattute a strette di mano,
come una candela che non voglio rischiare di consumarmi in fiamme
per rischiarare il cammino a un infame altri anni.
Tu il gallo che si prende tipo il merito dell'alba
e non sistema il collasso,
il trono che sogno è di un altro.
Aspiro al comando,
non vengo a colmarlo ne a raccordarlo
e sarò l'unico che tornerà indietro per raccontarlo,
sai che...

(HYST)
Il cielo e lì, ma ti domandi se hai la forza,
non si può, uccidere qualcuno che sia morto già una volta.
Perchè non fare niente a volte è come fare di più,
o marcire qui giù o risalire scale di blu
e ripartire dalle ferite, quelle che mi hai lasciato tu!

Ferite — Yojimbo ft. Hyst

Inserito da MarioPierini_BB

x chiudi

Login

Puoi loggarti usando Twitter oppure Facebook.
Non useremo i tuoi dati per spammare sulla tua timeline.


Twitter Facebook