13k+ testi hip hop italiani.

Il Gioco (trenta danari)
Zona 45

♥ 969

Quando inizia è guerra... fuoco sulla terra!!
Tutti giù all'erta la mia fila serra...
Quattordici anni, non dice una parola.
Usa la pistola una volta... e buona.
Ha imparato così, lo han buttato fuori alle elementari.
(7 anni ero lì) ed ora spara, scappa... non si ferma mai.
Arriva con la sua banda e sono grossi guai.
Un libro di terrore aperto a pagina zero... nero su bianco...
Danaro il suo vangelo... parla sincero racconta il vero,
esponi la questione... descrivi un po' la situazione.
"Io cerco di combattere la disillusione che serpeggia nel mio quartiere.
Generazioni senza illusioni né soluzioni come valori mafia e potere.
Il mio colpo di pistola l'unica mia scuola e spiegazione buona e seria.
Faccio la mia strada nel ghetto, con il piombo caldo mi guadagno posizione e rispetto
Adesso porto la mia tipa dove voglio e quanti soldi mi va spendo.
Pago quel che prendo. Rendo odio per cultura, paura per classe e non c'è forse.
Ti sbatto i miei soldi sul muso, artista illuso, col fare lo schiavo ho chiuso.
Provaci un po' tu, vieni in questo mondo infame, per trenta carte al giorno schiavo, a lavorare.
Fossi pazzo!! Mai me ne andrei, non lascerei questa vita anche per un giorno ancora.
Mentre tu con la tua ZONA non fai una lira, e invece questa conta, in quanto è potere e stima.

Mai stai attento al gioco perché dura poco
Yo yo, prima su poi ritorni giù.
Cerchi via di scampo, ma non c'è più tempo:
PAM PAM, scappi e non ce la fai più...

Queste parole lascio come testamento e scuola,
ma canta adesso ancora per quest'ultima mia ora.
DIN DON suona campana per me, ma quando muore uno come me chi se ne sbatte?
Cronaca nera. Due righi e mezzo pesa la mia vita. Un'esistenza: una partita chiusa. Scusa non lo chiedo neanche a Dio, sempre occupato quando lo chiamavo io.
Spietato come un bastardo la vita mi prendo. Sta ancora bruciando qui dentro
L'umiliazione che ho subito, perché quando nasci come me sarai sempre niente.
Ed è un'offesa che già il mondo mi ha fatto mettendomi un marchio, madre,
sin da dentro il tuo grembo: dimmi mo' se non ho una posizione di rispetto
nel ghetto quindi me e sbatto! PAM PAM! Canta la mia pistola, come tu canti con la tua ZONA... suona ancora Hip Hop per me,
colonna sonora per il mio funerale.

Mai stai attento al gioco perché dura poco
Yo yo, prima su poi ritorni giù.
Cerchi via di scampo, ma non c'è più tempo:
PAM PAM, scappi e non ce la fai più...

Il Gioco (trenta danari) — Zona 45
inserito da U Bag

x chiudi

Login

Puoi loggarti usando Twitter oppure Facebook.
Non useremo i tuoi dati per spammare sulla tua timeline.


Twitter Facebook